Home » Approfondimenti » Attenzione media » Trivium reloaded
Attenzione media innovazione media Post ricerche

Trivium reloaded

Nel Medioevo, il trivium era la prima parte dello studio delle arti liberali e preparava gli studenti in tre materie: grammatica, logica e retorica. La profondità del pensiero disciplinare di questa parte del curriculum è testimoniata dalla sua perdurante capacità di fascinazione. In effetti, in quest’epoca di comunicazione, il trivium resta un pensiero generativo.

Basta pensare a come potrebbe essere ridefinito (i link puntano ad approfondimenti laterali):
1. Grammatica, le strutture del linguaggio compreso quello delle macchine sulle quali si scambiano le informazioni (Media ecology 1; Media ecology 2)
2. Logica, le forme della dimostrazione per la costruzione delle verità (“La verità si fa“)
3. Retorica, la costruzione di mondi di senso nei quali la persuasività e la verosimiglianza convergono, sulla base di tecniche codificate ma necessariamente da attualizzare (Immaginazione; discernimento).

Di certo, la retorica è fortissimamente di moda. Mentre la logica è sottovalutata, al momento. Una crescita simbiotica di logica e retorica in un ambiente reso più favorevole da nuove regole grammaticali per piattaforme tutte da costruire sarebbe un bellissimo programma.

(Nella foto, la Biblioteca Malatestiana di Cesena)

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video

Post più condivisi