Home » ricerche

ricerche

News perplessità ricerche

Amici, mai. Amici, forse. Amici, in che senso? La Cina e l’Occidente

Che cosa intende un leader cinese come Xi Jinping quando parla di amicizia del suo paese con gli altri popoli? The Conversation pubblica una discussione piuttosto interessante – e vagamente criticabile – intorno al concetto di amicizia nell’Occidente e in Cina (The Conversation). In pratica l’idea proposta da Astrid Nordin (King’s College London) e Graham Smith (university of Leeds) è che cinesi e occidentali hanno un’idea molto diversa di amicizia. Gli occidentali pensano a una libera cooperazione tra pari che rispettano le differenze tra loro. I cinesi pensano a una relazione...

News partecipazione perplessità ricerche

La pandemia vista dal Sud è adesso

Nei primi cinque mesi del 2021 sono morte più persone di covid-19 di quante ne sono morte nel 2020. Il Wall Street Journal ha elaborato dati raccolti dalla Johns Hopkins University sulla pandemia. E ha trovato un risultato che alle genti del Nord-Ovest del mondo può sembrare fuori tempo. (WSJ) Nel 2021 sono morte oltre 1.884.000 persone, contro le 1.880.000 di tutto il 2020. Il fatto è che i paesi ricchi hanno già vaccinato quasi la metà della popolazione. In Africa il 2% ha ricevuto una dose di vaccino. In Asia il 6%, riporta il Wall Street Journal su dati Our World in data. In Sud America...

innovazione Post ricerche

L’evoluzione ridefinisce il mercato

Fatti notevoli, nel mondo del petrolio, ultimamente.  Alla Iea, l’agenzia che raccoglie le grandi aziende petrolifere, hanno pubblicato un rapporto che sembra suggerire un’alternativa terribile. O le compagnie smettono da quest’anno di cercare nuovi giacimenti di petrolio, o gli obiettivi di contenimento del riscaldamento globale non saranno raggiunti. Il rapporto ha suscitato grandi controversie. Ma è articolato in modo che tutte le componenti della domanda e dell’offerta si sincronizzino per fare in modo che le emissioni di CO2 non superino l’ammontare che serve a restare sotto...

innovazione News ricerche

Come è morto Cangrande

Ricevo e volentieri rilancio: “DANTE 2021. DAL DNA DI CANGRANDE LA VERITA’ SULLA SUA MORTE. INDAGINE GENETICA MAI ESEGUITA PRIMA SU UNA MUMMIA. UNA MALATTIA TOLSE LA VITA AL SIGNORE DI VERONA Comunicato Stampa E’ stata una malattia genetica rara, più precisamente la Glicogenosi tipo II ad esordio tardivo, a portare alla morte, in soli tre giorni, Cangrande della Scala, Signore di Verona. Nessun assassinio dunque, come una certa tradizione ha sostenuto per secoli. Il 22 luglio 1329, Cangrande morì a Treviso, appena trentottenne, in conseguenza di una rara malattia genetica. A svelarlo...

innovazione libri Post ricerche

Giuseppe Iacono e il senso della pubblica amministrazione per la digitalizzazione

Giuseppe Iacono ha scritto un libro da leggere per comprendere come ricostruire un futuro nella pubblica amministrazione, in Italia (e non solo per la verità): E-leadership. Come guidare la trasformazione (digitale) della PA, FrancoAngeli 2021. Il PNRR tenta di dare una prospettiva innovativa all’intervento pubblico per la ripresa dell’economia messa in ginocchio dai lock-down decisi per ridurre l’impatto della pandemia sulle strutture sanitarie. Ma la soluzione (temporanea) al problema dalla scarsità di risorse da investire, che aveva impoverito il settore pubblico negli ultimi decenni, apre...

libri persone Post ricerche

La poesia della scienza. Telmo Pievani: “Finitudine”

«…nulla potrà cancellare il fatto che, in un angolo marginale del cosmo, è esistita una specie in grado di comprendere la propria finitudine e di sentirsi libera di sfidarla». Così termina il romanzo di Albert Camus e Jacques Monod immaginato da Telmo Pievani sulla scorta degli appunti che la morte dei due premi Nobel ha impedito diventassero altrettanti libri. “Finitudine” è il romanzo della scrittura di un romanzo sull’unica certezza che gli umani possono avere nella vita. Finiranno. Come finirà la Terra, come finiranno il Sistema Solare, le galassie e tutto il resto per...

Educazione strategica innovazione partecipazione Post ricerche

Didattica digitale, il tempo ritrovato

“Il tempo perduto”: è stata la frase più usata dagli osservatori della scuola italiana nel periodo delle clausure decise per difendere l’organizzazione degli ospedali dal picco di ricoveri dovuti alla covid-19. Seguendo la guida di Marcel Proust, prima o poi, si dovrebbe arrivare anche al “tempo ritrovato”. Sono state impiegate tonnellate di articoli per descrivere il tempo perduto. Meno per immaginare il tempo ritrovato. Stefano Moriggi ne ha parlato sul Sole 24 Ore a metà febbraio. Diceva che si tratta essenzialmente di ripensare la didattica nella contemporaneità...

Attenzione media media partecipazione Post ricerche

Odio online. Il rapporto del gruppo di lavoro

È terminato il lavoro del gruppo che si è occupato per il Governo dell’odio online. Difficile trovare un argomento più emozionante e complesso. Coinvolgono le storie delle persone che subiscono l’odio. Coinvolgono persino le sofferenze che portano a odiare. Qualsiasi sia la policy che poi un sistema politico decide, non si può fare a meno di vedere quanto sia umanamente denso il fenomeno dell’odio anche nella sua declinazione online. Da quello che ho capito, la libertà di espressione e il diritto a essere protetti dalla violenza, insieme a diversi altri diritti, devono trovare un equilibrio...

innovazione partecipazione Post ricerche

Intelligenza artificiale e lavoro. Conferenza all’OECD

Erik Brynjolfsson è un economista che si occupa brillantemente delle conseguenze dell’innovazione. La sua produzione scientifica si trova online ed è accessibile. È intervenuto oggi alla conferenza organizzata dall’Ocse sul lavoro del futuro e l’intelligenza artificiale. Ha usato una frase piuttosto efficace. La riassumo: «La tecnologia va più veloce della capacità della società di apprendere a usarla». Ma questo avviene per più di un motivo. Per il fatto che tutti i sistemi coinvolti attraversano una trasformazione e per il fatto che le conseguenze dell’intelligenza artificiale sono...

innovazione Per-corsi Post ricerche

Il lavoro del futuro: intelligente o distante

Come si lavora? Come si lavorerà? Perché è importante? Se si farà l’errore di pensare che il lavoro a distanza emerso nella fase del lockdown coincida con lo smartworking si verificheranno un po’ di problemi. Le forme del lavoro a distanza che si è visto nel 2020 sono state definite dalla struttura di internet e delle applicazioni che erano disponibili in rete. Senza altri interventi creativi e progettuali, il lavoro a distanza tenderà a organizzarsi nella forma della struttura che lo rende possibile: l’architettura della rete con le sue applicazioni attuali produce, da quanto si è visto per...

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video