Home » Approfondimenti » Big data

Big data

Big data Post ricerche

Miniere di dati da recuperare alla scienza

Ankur Rashmikant Desai è Editor del Journal of Geophysical Research: Biogeosciences. Ha creato uno strumento che consente a chi scrive gli articoli di condividere facilmente anche i dati (Eos).  Sembra banale, ma non lo è. La scienza è basata su un metodo che prevede tra l’altro la ripetibilità degli esperimenti anche per conteollarli, la possibilità di costruire sulle scoperte altrui per allargarne il senso e l’applicazione. Per questo occorrono anche i dati sui quali sono costruite le conclusioni cui giungono i ricercatori quando pubblicano in articolo. Ma di fatto la pubblicazione non...

Attenzione media Big data innovazione libri media Post ricerche

Ci possiamo capire qualcosa? Dirk Helbing: la crescita esponenziale di tutto aumenta la complessità

Nel corso della conferenza organizzata l’altro giorno dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles al Bozar, con Telmo Pievani, Dirk Helbing ha fatto notare che esiste una tendenza poco sottolineata nella relazione tra conoscenza e digitalizzazione. La crescita esponenziale della capacità di elaborazione e della sofisticatezza dei programmi di gestione dei dati è ovviamente importante, ma il suo passo è più lento della crescita esponenziale della quantità di dati elaborabili e gestibili! Significa che aumenta la complessità. E’ un altro modo per dire che la dinamica della conoscenza umana è...

Big data Educazione strategica News

Raccolta dati per Big Data, Miur

Il Miur ha messo insieme un piccolo gruppo di lavoro (al quale dò una mano) per compilare un rapporto sui Big Data allo scopo di studiare i possibili miglioramenti nella formazione in materia ed eventualmente nell’uso dei dati per l’organizzazione della scuola. A questo scopo, sta raccogliendo autosegnalazioni dai centri di ricerca che si occupano del tema. Ecco il comunicato: Big data, auto-segnalazione dai centri di formazione e ricerca Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Roma, 26 febbraio 2016 Big data, richiesta di auto-segnalazione per i centri che si occupano di...

Big data News

Dalla quantità al valore. Big data e supercalcolo in Emilia Romagna

Il 70% della capacità di super calcolo nazionale si svolge in centri di ricerca in Emilia Romagna. E molto lavoro di base per sviluppare valore con i big data è già attivato in questa regione. Ma per passare dal potenziale alla generazione di valore occorre costruire una visione strategica comune, connettere i centri di ricerca, pensare modelli di business. Ma in regione si muovono. Qui c’è un approfondimento in pdf). Ed ecco il comunicato: Il 70% della capacità di super calcolo nazionale si svolge in centri di ricerca in regione. Il presidente Bonaccini: “Tra i nostri obiettivi di...

Big data News

Big data al Ministero

Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha istituito un gruppo di lavoro per realizzare un rapporto sui Big data al servizio del sistema pubblico della formazione e della ricerca in Italia. Dovrebbe essere fatto entro maggio. Significa che il Miur vuole accelerare nella definizione di una strategia su un argomento tanto importante. Il decreto spiega le finalità della decisione: Decreto GdL Big Data. Darò dunque anch’io una mano, sotto la guida del direttore della Normale di Pisa Fabio Beltram. I commentatori che vogliano segnalarmi argomenti e informazioni da trattare...

Big data News

Data scientist, professione eclettica

Sappiamo che un data scientist è insieme raccoglitore, analizzatore e raccontatore di quello che emerge dai dati. La figura è in crescita con la diffusione della pratica di usare i big data per la comprensione del comportamento degli umani e degli oggetti che lasciano tracce digitali. È un eclettico. Lo dimostra la provenienza degli studenti al master big data di Pisa come ricorda Dino Pedreschi: 3 venivano scienze politiche e sociologia; 5 da filosofia; 1 da storia; 2 da matematica; 3 da ingegneria; 3 da fisica; 2 da architettura e design; 1 da economia; 3 da statistica. E i corsi che si...

Big data Bill of rights innovazione News

Enisa. Privacy by design

I big data sono un’opportunità straordinaria per la conoscenza. Ma sono anche una grande sfida per la libertà e la privacy. Enisa pubblica un rapporto sulle strategie e le tecniche di privacy by design. Queste tecniche includono l’anonimizzazione, la crittografia, meccanismi di controllo degli accessi e altro.
Vedi:
Privacy by design in big data: An overview of privacy enhancing technologies in the era of big data analytics

Big data innovazione Post

Istat, industria, Big Data

L’approccio Big Data si sta facendo strada in Italia. In un percorso parallelo, l’industria riunita alla Luiss ha dimostrato la fattibilità e l’opportunità di usare i dati come un patrimonio da valorizzare (Luiss), e l’Istat ha dichiarato che ci crede e ci investe, dopo le sperimentazioni già effettuate (Forumpa). La statistica ufficiale ha qualcosa da dire anche nell’ambito dei Big Data. È evidente che il vecchio sistema a base di sondaggi, ottimo per quando i dati erano scarsi, si deve adattare e integrare nel nuovo contesto nel quale i dati sono abbondanti. Ma è pure chiaro che non bastano...

Big data innovazione News

Tre pezzi facili sui Big Data

Come mettere in fila i problemi da affrontare se si vuole avviare un’attività basata sui dati. Non è scienza: è pratica. The 5 Methodology Milestones for Big Data. Per esempio nella gestione delle città i Big Data sono citati spesso come una soluzione decisiva. Smart Data Analytics for Smart Cities. Come razionalizzare l’architettura della comunicazione dei risultati delle ricerche basate sui dati. Un pezzo facile che aiuta a pensare prima di disegnare. Designing Data-Driven Interfaces. I Big Data sono una realtà. Viviamo nell’infosfera. Dobbiamo cominciare a comprenderla. E a leggerla. Ci...

Big data innovazione Post

Il dilemma dell’auto che si guida da sola

Il dilemma di base è questo: faremo auto che si guidano da sole come diretta sostituzione delle attuali, o faremo evolvere le tecnologie di guida assistita per arrivare nel tempo alle auto che si guidano da sole? Entrambe le alternative hanno punti di forza e debolezza. I sostenitori della prima dicono che il salto verso l’auto che si guida da sola è radicale e non evolutivo dal punto di vista tecnologico. I sostenitori della seconda dicono che i consumatori, i regolatori, le case produttrici non sono pronte a fare il passaggio radicale e quindi prevarrà la logica evolutiva. È una battaglia...

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video