Google e Facebook: il nuovo duopolioAttenzione media, informazione, media, News, ricerche
Una ricerca di Wpp sulle prospettive della pubblicità nel 2018 mostra che il duopolio di Google e Facebook arriverà all’84% del totale della spesa pubblicitaria online nel mondo esclusa la Cina (ne parla il Financial Times nell’articolo “Google and Facebook dominance to rise” che si legge a pagamento; ci sono altri articoli che ne parlano: […]
Cybersecurity: i 200 giorniinnovazione, News, ricerche
Oggi al convegno sulla cybersecurity alla Sapienza di Roma sono uscite molte informazioni affascinanti e ne parleremo. Ma una colpisce e va digerita. In media, dicono all’Ibm, le aziende ci mettono 200 giorni per scoprire che i loro sistemi sono stati violati. E poi, siccome ovviamente non ne parlano volentieri in giro (un caso che […]
Letture. Blockchain come architettura distribuita per il sociale. Visione europeainnovazione, News
La tecnologia e la matematica stanno cercando di trovare il modo di ricostruire una rete meno concentrata, con maggiore autonomia dei nodi e degli agenti indipendenti dalle grandi piattaforme. Ci sono persone straordinarie che stanno costruendo questa architettura. Dall’Europa arrivano segnalazioni importanti che offrono una visione concreta di quello che da questa impostazione si cerca […]
Il cervello di Marco Magrinilibri, News
Marco Magrini è un giornalista bravissimo. Racconta le storie con una passione per il bello intelligente che ha un effetto contagioso. Ha scritto un libro necessario: Cervello. Manuale per l’utente. Guida semplificata alla macchina più complessa del mondo, Giunti 2017. Non ho voglia di aspettare a recensirlo dopo averlo letto tutto. L’inizio è sufficiente a […]
Letture. Iniziative e studi per la qualità dell’informazione. Ce n’è bisogno…Attenzione media, informazione, News
Le grandi piattaforme non fanno abbastanza per combattere il fenomeno delle fake news, dicono al Los Angeles Times: Google and Facebook aren’t fighting fake news with the right weapons. Contro le fake news non basta un po’ di factckecking più o meno collaborativo, perché le persone ricordano quello che viene ripetuto continuamente più di quanto […]