Home » Approfondimenti » Attenzione media » Che cosa sono quelle piattaforme e perché vogliono la musica
Attenzione media innovazione libri media News

Che cosa sono quelle piattaforme e perché vogliono la musica

libro-granata2Mentre l’internet si alimenta nella mobilità e il computing nella nuvola, le piattaforme come Apple, Amazon, Google, Facebook, Microsoft diventano le utility dell’ambiente mediatico emergente. Infrastrutture per mondi che esse stesse creano e governano algoritmicamente. Nei quali mondi vorrebbero trattenere e intrattenere le persone, a miliardi. Non per niente vogliono colorarle con le emozioni che la musica, i giochi, il cinema possono offrire agli abitanti. Per questo anche Amazon, forse, entra nello streaming musicale: questo si diceva oggi sul Sole.

Nell’ecologia dei media, la simbologia, il mito, il colore, la musica sono a loro volta parte integrante della costruzione dell’ambiente. Una rilettura del libro di Paolo Granata, in proposito, aiuta a definire questa dimensione simbolica e strutturale della mediasfera.

Per la musica è la strada per fatturare un po’ e recuperare un modello di business nell’infosfera. Hanno perso la tecnologia, gli editori, e sono entrati in un nuovo ambiente. L’anno scorso le loro entrate sono tornate a crescere dopo vent’anni di perdite quasi ininterrotte. Fondamentalmente grazie allo streaming. Per tutti gli editori la musica è il laboratorio dove tutto succede prima. Per tutti gli editori potrebbe esserci qualcosa da imparare.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video

Post più condivisi