Home » ricerche

ricerche

Post ricerche

Il lavoro del futuro. Il libro /2

Si impara girando con il libro sul lavoro del futuro nello zaino. Oggi a State of the Net ha parlato Swg che aveva una ricerca dalla quale risulta tra l’altro che: “Il tema dell’innovazione digitale nell’ambito del lavoro sta spaccando a metà l’opinione pubblica: mentre il 42% (in particolare persone con elevato reddito ed elevato livello di educazione) ritiene che robot e algoritmi non rubino posti di lavoro, il 47% ritiene invece che questo avverrà. In particolare, rispetto al 2016, la percentuale di coloro che ritiene che i robot rimpiazzeranno i lavoratori in diverse mansioni passa...

libri Post ricerche Senza categoria

Il lavoro del futuro. Il libro /1

Portando in giro il mio nuovo libro, quello che è emerso da un’inchiesta fatta per il Sole 24 Ore, il lavoro del futuro, sto imparando parecchie cose. 1. Il valore delle aziende che stanno aggregando grandi moli di dati non è soltanto nei dati, ma soprattutto nel vantaggio che stanno accumulando con l’allenamento dei loro algoritmi. Renzo Avesani, Unipol. 2. Il 5% dei lavori è pienamente automatizzabile. Francesco Daveri, Bocconi 3. Molte aziende italiane vengono vendute a fondi internazionali? E allora facciamone un business: moltiplichiamo le nuove imprese programmando di venderle. Per poi...

informazione News ricerche

IG Metall: più auto elettrica, meno posti di lavoro

Uno studio dei metalmeccanici tedeschi dice che il passaggio all’auto elettrica rischia di far perdere al sistema tedesco dell’automobile 76mila posti di lavoro entro il 2030 (IGmetall). Mi pare di capire che si tratta soltanto dei lavoratori che si occupano dei cambi (che non servono nell’auto elettrica). Anche per l’Italia ci si può aspettare un impatto. Sarà bene cercare di anticipare il cambiamento e non aspettare la crisi.

innovazione partecipazione persone Post ricerche visioni

Dino Pedreschi. È possibile una politica con una visione?

Sarebbe magnifico discutere di come si potrebbe sviluppare una visione in grado di costituire un contesto più concreto e orientato al futuro per le scelte politiche (dei cittadini e dei politici). Dino Pedreschi offre uno spunto con un testo che ha inviato a questo blog. Dino è un grande data scientist: è consapevole della profondità del cambiamento che sta attraversando l’organizzazione sociale ed economica sulla scorta delle enormi trasformazioni alimentate dai Big Data, dall’intelligenza artificiale, dalla robotica (queste le sue pubblicazioni scientifiche). Opportunità epocali che si...

innovazione News partecipazione ricerche

JEDI per la conoscenza in Europa

JEDI è un’associazione di scienziati che chiedono un impegno europeo più forte nella ricerca – in particolare sull’intelligenza artificiale – per dare al Vecchio Continente la forza di contrastare la leadership di americani e cinesi (Bloomberg, Guardian). Si chiama JEDI come acronimo di Joint European Disruption Initiative. Evidentemente vuole mantenere l’indipendenza europea, ma ha trovato un nome che viene dalla recente mitologia americana di Star Wars…
Intanto:
FDA chief moves to promote artificial intelligence in health care

partecipazione Post ricerche

Chiose sul governo da fare: i prìncipi e i princìpi

Se l’ipotesi del governo M5S-Destra è fallita – e sottolineo se – lo è perché si è parlato di veti e potere più che di programmi. Non è un male, se si considera che i programmi più ambiziosi delle due parti andavano nella direzione di far correre gravi rischi ai conti pubblici (visti i costi prevedibili per eliminare la riforma Fornero delle pensioni, introdurre il reddito di cittadinanza e la flat tax, misure non pareggiate dal progetto di tagli drastici alla spesa pubblica). Ma non è particolarmente un bene se, passando all’ipotesi del governo M5S-Sinistra non si entra in una...

innovazione News ricerche

Come sarà usato l’enzima che libera il mare dalla plastica

John McGeehan, Università di Portsmouth, ha guidato un team internazionale di scienziati che ha scoperto il modo di rendere più efficace un enzima capace di degradare la plastica PET che era stato scoperto in un batterio mutante nel 2016. L’enzima può essere usato per produrre bottiglie di plastica a partire da bottiglie di plastica senza usare altro petrolio e soprattutto evitando di buttare le bottiglie in mare (Guardian).

libri News ricerche

A Pisa. Politiche del quotidiano, di Ezio Manzini

Politiche del quotidiano è il nuovo libro di Ezio Manzini. La trasformazione della società mette in discussione ogni convenzione ed esalta la cultura del progetto. «Il concetto di progetto è molto ricco e si è prestato nel tempo, e nei diversi ambiti culturali, a tante definizioni», scrive Manzini. «Per me, in questo contesto, un progetto è una sequenza di conversazioni e azioni sul mondo, il cui obiettivo è renderlo più prossimo a come si vorrebbe che fosse. Farlo implica dunque: la valutazione critica dello stato delle cose, l’immaginazione di come si vorrebbe che fosse, la disponibilità...

informazione libri media Post ricerche

La conoscenza della cooperazione. La quantità di informazione non basta

Un’ipotesi quantitativa dell’informazione suppone che l’aumento dell’informazione disponibile migliori le decisioni delle persone. Più la gente ha accesso a una grande, potenzialmente infinita, quantità di informazioni più giuste saranno le sue scelte. Questa ipotesi giustifica ogni genere di operazione di piattaforma mediatica che generi una moltiplicazione dei messaggi: quelle operazioni che dicono “intanto facciamo accedere a tutta l’informazione che chiunque vuole condividere in qualunque modo; poi la gente troverà il modo di usare quell’informazione e di certo starà meglio”. In realtà...

innovazione libri News ricerche visioni

Giovannini: L’utopia sostenibile

Un libro importante, di quelli che possono restare nella memoria delle persone che lo incrocino con lo spirito aperto e l’orientamento criticamente costruttivo: Enrico Giovannini, L’utopia sostenibile, Laterza 2018 “I limiti dello sviluppo”, il rapporto dell’Mit al Club di Roma, nel 1972 ebbe su una generazione un effetto decisivo. Svelò un inganno sistemico: l’idea della crescita infinita implicita nell’industrializzazione del Dopoguerra non aveva fondamento pratico ed era destinata a schiantarsi con i vincoli ecologici, in un sistema complesso di interazioni tra demografia...

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video