Home » libri

libri

libri News partecipazione

Ma che divulgazione! Dalla giuria del premio Galileo

Partecipando alla giuria del Premio letterario Galileo per la Divulgazione Scientifica ci si rende conto che la parola importante è “letterario” e la parola ambigua è “divulgazione”. La divulgazione è inevitabilmente un concetto che pur partendo da un’esigenza di inclusività sconfina nel parternalistico, suggerendo etimologicamente che l’élite spiega al “volgo” quello che dovrebbe sapere della scienza. La letteratura invece è una strumentazione per una vera e propria ricerca ma non è riservata ai soli specialisti perché è fondamentalmente universale: in...

libri Post ricerche

Edelman. Poca fiducia nei media professionali, ancora meno nei media sociali

Il Trust barometer di Edelman mostra che solo il 47% degli abitanti dei 26 grandi paesi considerati dalla ricerca – compresa l’Italia – ha fiducia nei media professionali (è la stessa percentuale di quelli che hanno fiducia nei governi). Ma l’impegno nell’accedere ai giornali professionali è aumentato del 22% nell’ultimo anno in termini di numero di esposizione alle news e di azioni di condivisione operate di conseguenza. Mentre i social media perdono credibilità: in particolare in Europa e Nord America dove l’indice di fiducia è poco sopra la metà del livello raggiunto dai media...

libri News partecipazione

Adam Tooze riprende il tema della crisi dell’élite

Adam Tooze è l’autore di Crashed, una storia della crisi finanziaria del 2008 molto critica e piuttosto visionaria. Ne propone un’interpretazione orientata ad andare oltre la congiuntura per cercarne il senso strutturale. Ne discute in un’intervista per Jacobin. Che riprende il tema della super-narrazione iper-liberista tipo quella lanciata da Margaret Thatcher e che si configura programmaticamente come un pensiero unico, esplicitamente richiamato con la convinzione espressa più volte dalla premier inglese secondo la quale “non c’è alternativa”. Quel pensiero unico ha talmente...

libri News partecipazione

A proposito di Leonard Cohen

Segnalo volentieri: “Venerdì 18 Gennaio 2019, 17:45 – Sala del Risorgimento, Museo Civico Archeologico di Bologna, Via de’ Musei 8. Ingresso libero fino a esaurimento dei posti. Chiacchierata con musica insieme a Silvia Albertazzi, Edoardo Balletta, Luigi Contadini, Elena Lamberti, Francesco Vitucci. All’arpa, Francesco Benozzo – Modera, William Piana, Radio Città Fujiko 103.1. In collaborazione con: Libreria Trame, Clopex – Centro di Studi sulle Letterature Omeoglotte dei Paesi Extraeuropei, Museo Civico Archeologico di Bologna, Associazione Culturale ARCHI...

Attenzione media libri media Post ricerche

Gli occhi dell’umanità

Questo post prende spunto da due letture: – Mauro Carbone, Des pouvoirs del l’archi-écran et de l’idéologie de la “transparence 2.0”, in Des Pouvoirs des écrans, sous la direction de Mauro Carbone, Anna Caterina Dalmasso et Jacopo Bodini, éditions Mimésis, 2018 – Simone Arcangeli, L’occhio della macchina, Einaudi 2018 L’estetica Mauro Carbone, filosofo che insegna a Lione, traccia una via estetica per l’esplorazione della società avviluppata dalle conseguenze della tecnologia che si esprime nello schermo: la filosofia della percezione lo conduce a porsi domande fondamentali sul...

Economia Felicità innovazione libri partecipazione Post

Valore e prezzo. Fine e mezzo. Felicità e mercato

Il valore sta al prezzo come il fine sta al mezzo e la felicità sta al mercato. È un’affermazione che potrebbe valere una riflessione. Mariana Mazzucato è certamente andata oltre lo slogan con il suo libro, Il valore di tutto, Laterza 2018. Non è una nuova teoria del valore. Ne è forse la premessa. Perché dimostra che ogni idea di valore può essere legittima nei diversi contesti storici. Ma consente di criticare l’attuale idea di valore. E di farci desiderare di averne una più adatta alle sfide della contemporaneità. In passato il valore poteva essere anche connesso al lavoro, al capitale...

innovazione libri perplessità Post visioni

Make digital right. Contro gli eccessi: di fiducia negli algoritmi e di preoccupazioni per gli algoritmi

È terminata la nuova serie di incontri sulla trasformazione digitale all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles. Quest’anno il titolo è stato “Make digital right”. Hanno partecipato: Mauro Carbone, professore di filosofia all’università Jean Moulin Lyon 3, e Amélie Cordier, direttrice scientifica della Hoomano, azienda che produce intelligenza interattiva per robot sociali, basata anch’essa a Lione in Francia; Stefano Moriggi, filosofo che insegna a Brescia, Parma e Milano, e Carey Jewitt, professore di apprendimento e tecnologia a University College di Londra; Maurizio Ferraris, filosofo...

Economia Felicità innovazione libri partecipazione perplessità Post ricerche visioni

Appunti su “Oltre l’infinito” di Mauro Magatti

Un libro coltissimo, coraggioso, da non perdere. Un libro per spiriti liberi. Un libro che non risolve i problemi che pone coerentemente con il suo programma. “Oltre l’infinito” di Mauro Magatti (Feltrinelli 2018) è un ulteriore prova della capacità dell’autore di arrivare all’attualità per superarla con la prospettiva. Appassionante lettura per chiunque si domandi come si sia potuti arrivare alla profondità della crisi attuale, senza cedere di un passo dalla convinzione che qualcosa si possa pur fare per uscirne. Questi sono appunti veloci, in vista della presentazione del libro:...

innovazione libri Post ricerche

Morfologia della fiaba innovativa

Preferisco studiare chi scrive la storia piuttosto che chi si limita a fare storytelling: L’identità di un paese non è definita dallo storytelling, ma dalla storia, 8 dicembre 2015 A proposito di storia e storytelling, 20 dicembre 2015 Chi supera lo storytelling e ricomincia a scrivere la storia, 6 maggio 2016 Lo storytelling è peraltro una tecnica da conoscere. E ha una morfologia, come la fiaba di Vladimir Propp. Analizzando il racconto di un gran numero di startup e progetti innovativi, Julian Birkinshaw, ha trovato che esiste una morfologia della fiaba innovativa: Telling a good...

libri Post

Turbine, di Juli Zeh. Contemporaneità

«Se c’è una cosa che ho imparato a Unterleuten è che ogni essere umano vive in un proprio universo in cui ha sempre ragione lui, dal mattino alla sera». Così commenta la voce narrante di “Turbine“, di Juli Zeh. In paese arriva il progetto di un parco eolico. Sarà ricchezza per pochi, protesta per alcuni, occasione per riaprire antiche ferite sociali per quasi tutti… È una storia post. Viene dalla Germania profonda, che a quanto pare non può che essere la post DDR, immersa nel post Occidente. Il materialismo certamente perdente immerso nell’ipocrisia solo apparentemente...

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video