Che cosa sono quelle piattaforme e perché vogliono la musica

libro-granata2Mentre l’internet si alimenta nella mobilità e il computing nella nuvola, le piattaforme come Apple, Amazon, Google, Facebook, Microsoft diventano le utility dell’ambiente mediatico emergente. Infrastrutture per mondi che esse stesse creano e governano algoritmicamente. Nei quali mondi vorrebbero trattenere e intrattenere le persone, a miliardi. Non per niente vogliono colorarle con le emozioni che la musica, i giochi, il cinema possono offrire agli abitanti. Per questo anche Amazon, forse, entra nello streaming musicale: questo si diceva oggi sul Sole.

Nell’ecologia dei media, la simbologia, il mito, il colore, la musica sono a loro volta parte integrante della costruzione dell’ambiente. Una rilettura del libro di Paolo Granata, in proposito, aiuta a definire questa dimensione simbolica e strutturale della mediasfera.

Per la musica è la strada per fatturare un po’ e recuperare un modello di business nell’infosfera. Hanno perso la tecnologia, gli editori, e sono entrati in un nuovo ambiente. L’anno scorso le loro entrate sono tornate a crescere dopo vent’anni di perdite quasi ininterrotte. Fondamentalmente grazie allo streaming. Per tutti gli editori la musica è il laboratorio dove tutto succede prima. Per tutti gli editori potrebbe esserci qualcosa da imparare.

Articoli Correlati

1 Commento su “Che cosa sono quelle piattaforme e perché vogliono la musica

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>