Sum#01 a Ivrea. Difficili equilibriNews, partecipazione, perplessità
Le idee non sono posizioni. Le informazioni non sono armi. L’immaginazione che serve agli scienziati, agli imprenditori e persino ai politici per costruire il futuro consapevolmente è la stessa, nella sostanza, che serve ai cittadini che devono riconoscere il valore delle loro proposte. Serve avere un modo per stare tutti sulla stessa pagina delle notizie […]
I professionisti dell’antibufalaBill of rights, News, partecipazione, perplessità
I professionisti dell’antimafia, diceva Leonardo Sciascia, non potrebbero continuare a lavorare se vincessero la battaglia contro la mafia. Un amico, impiegato all’agenzia dell’Onu che si occupava di combattere l’apartheid sudafricana, fu licenziato quando quella pratica orribile fu abolita. Ma i promotori della lotta alle bufale in rete si stanno preparando a un’analoga eventualità con un […]
Psicologia trumpistaNews, perplessità
Alla ricerca di una sorta di armonizzazione dello shock di avere eletto Trump, gli americani cercano anche nella psicologia una spiegazione. E a quanto pare la trovano nelle varie forme di accecamento che l’autodifesa cerebrale mette in campo contro le paure e i fastidi… (Vox).
Correlazioni e cause: social media, giornali, populismo
Correlazioni e cause: social media, giornali, populismoAttenzione media, informazione, media, perplessità, Post, ricerche
Walter Quattrociocchi esce lunedì 6 marzo con un nuovo articolo su Pnas. Analizza le echo-chamber che si formano sui social network studiando le interazioni di 376 milioni di utenti Facebook con più di 900 giornali e sistemi di produzione di notizie. Quattrociocchi dimostra che la teoria della “selective exposure” domina il consumo di notizie e […]
Ancora una volta: stupido è chi stupido faNews, perplessità, visioni
Ancora una volta mi chiedono di commentare sulla possibilità che internet ci renda stupidi. Questa volta, con profondità maggiore del solito, se lo chiede il programma Moby Dick della Radio Svizzera Italiana. E questi sono i miei appunti. Stupido è chi stupido fa. Internet è la possibilità di accedere alle più ricche fonti di informazione […]
Essere stati digitaliNews, partecipazione, perplessità
Il rapporto tra il potere statale e il potere digitale si va confondendo nell’operatività quotidiana. Avviene in quel genere di spazi nei quali per esempio uno stato come la Russia può essere indicato come mandante di gruppi di smanettoni che riescono a influenzare pesantemente la politica interna di altre nazioni come gli Stati Uniti. Avviene […]
Paolo Coppola indagainnovazione, News, perplessità, ricerche
Paolo Coppola, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul livello di digitalizzazione e innovazione delle PA, ha sentito oggi Diego Piacentini Commissario straordinario del governo per l’attuazione dell’agenda digitale, accompagnato da Guido Scorza, responsabile per l’area Affari Regolamentari nazionali ed europei. Dice il comunicato: “Piacentini ha illustrato progetti e obiettivi del “Team per la trasformazione […]
Pellegrino e Zingales sulle cause della paralisi italianaNews, perplessità, ricerche
E’ un paper del 2014. Più che a una sintomatica quanto precisa idea di paralisi, gli economisti Bruno Pellegrino, dell’università di Los Angeles, e Luigi Zingales passato a Harvard, si riferiscono genericamente a una generica malattia italiana, nel titolo del loro paper sulle difficoltà economiche del loro paese originario. Abbiamo visto la cartina d’Europa in […]
Trump-l’œil… La politica americana contro la scienza
Trump-l’œil… La politica americana contro la scienzalibri, perplessità, Post
L’Environmental Protection Agency dovrà chiedere il permesso all’amministrazione Trump prima di rilasciare dati sull’andamento del clima. Una specie di commissario politico di metterà in mezzo tra l’informazione su come stanno le cose e l’impressione che il governo americano vuole dare sul tema del climate change. Gli scienziati non potranno lavorare sui dati ma su un […]
Come un giocatore abituato a barareNews, perplessità
Come un giocatore abituato a barare, anche un politico può cercare di fare mosse che abbiano più chance di vincere che di perdere, anche nascondendo una carta falsa sotto il tavolo. Trump fa la sua mossa contro i musulmani dei paesi dove non fa affari. Se la passa liscia, ha fatto bella figura con i […]