Europa, zero rating e neutralità della rete. Cattive notizie

Europa, zero rating e neutralità della rete. Cattive notizie

Il Consiglio europeo ha approvato l’introduzione dello zero rating. Ora il Parlamento è chiamato ad approvare a sua volta o rifiutare (Inno su Radiobruxelleslibera). La questione è fondamentale per la neutralità della rete. A pensarci vengono le vertigini.

Lo zero rating consente di discriminare i contenuti che gli utenti ricevono consentendo agli operatori di fare politiche commerciali che favoriscono certi contenuti o servizi online e ne sfavoriscono altri con prezzi e velocità diverse. Questa non è neutralità della rete. Anche se si tratta di un attacco sottile e surrettizio.

In Italia, intanto, una nuova versione di proposta di legge PD faciliterebbe lo smantellamento della neutralità della rete (Mantellini sul Post).

Il Parlamento può salvare ancora la situazione. Olanda e Slovenia hanno espresso preoccupazioni per la net neutrality che è salvaguardata dalle loro legislazioni nazionali (Statements).

Se gli operatori potranno discriminare i contenuti e i servizi offerti in rete, la logica innovativa dell’internet verrà meno. Perché gli innovatori dovranno chiedere il permesso ai giganti. La difesa della rete è estenuante perché richiede una costante e capillare battaglia, spiegazioni lunghissime e attenzione al futuro: chi attacca la rete lo può fare a suon di emendamenti sotterranei e senza spiegare nulla. Può essere estenuante. Ma non ci si può stancare.

3 Commenti su “Europa, zero rating e neutralità della rete. Cattive notizie

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *