Home » Approfondimenti » Bill of rights » Riconoscimento sfacciato
Bill of rights innovazione media perplessità Post

Riconoscimento sfacciato

In Europa si discute se vietare il riconoscimento facciale nei luoghi pubblici (EU considers temporary ban on facial recognition in public spaces). Non è chiaro se questo implichi soltanto il divieto di utilizzare i software che prendono le immagini del presente di persone da identificare e le confrontano con archivi di immagini del passato di persone identificate. Oppure se questo implichi anche il divieto di prendere le immagini delle persone nei luoghi pubblici. Il secondo divieto è relativamente più facile da applicare concretamente del primo.

Chiaramente l’Europa si preoccupa della libertà delle persone, messa a dura prova dal controllo automatico e capillare che le nuove tecnologie consentono e le nuove paranoie sostengono. Nel resto del mondo non si curano di queste cose. A parte la California sono rari i paesi attenti ai diritti umani, a questo punto. L’Europa ha un ruolo epocale da giocare.

Anche perché la tecnologia fa passi da gigante. Come sempre. Il software israeliano Pegasus di NSO è ritenuto capace di prendere il controllo dei telefoni e di usare telecamere e microfoni per spiare ciò che avviene intorno a essi. La Clearview AI ha una soluzione che sembra in grado consentire a chi la usi di uploadare una foto e identificare in brevissimo tempo la persona che vi è raffigurata. E le tentazioni di usare il riconoscimento facciale si sentono anche in Europa: Big Brother in Berlin.

Per governare l’accelerazione della tecnologia, le regole devono essere proattive e le società le devono capire. Altrimenti, la retorica delle aziende che chiedono di poter lavorare senza intralci rischia di prevalere. Fino a quando i danni non diventano troppo gravi per poter essere sopportati.

Ps. La vista è ovviamente una delle vie fondamentali dello sviluppo umano nell’epoca degli schermi. (Vedi: Gli occhi dell’umanità). Ci vogliono analisi profonde per studiare l’interfaccia principale che attualmente collega la dimensione corporea e quella digitale. Intanto si sviluppa una sorta di fenomenologia dello schermo: Human screenome project registra lo schermo dei volontari che partecipano ogni 5 secondi e analizza i loro comportamenti. Anche la scienza attenta alla privacy, secondo i critici.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video