Lavoro del futuro. La resistenza non è futile. Le aziende e le persone vincono insieme

Lavoro del futuro. La resistenza non è futile. Le aziende e le persone vincono insieme

La ricerca sul lavoro del futuro continua nel posto dove è ovvio scavare: la gig economy. Ma guardandola da un punto di vista speciale.

La piattaforma per la gig economy è costruita da qualcuno. L’azienda che la produce è fatta di persone. Dietro lo schermo dal quale prendono gli incarichi i lavoratori della gig economy ci sono altri lavoratori: creativi, orientati al progetto, dotati della cultura che serve – secondo tutte le analisi – a coltivare una strategia lavorativa potenzialmente vincente per il futuro. Ma se dietro lo schermo ci sono queste persone, che sanno come un’azienda fiorisce solo se lavora con persone di valore, allora non faranno qualcosa per migliorare la situazione di quelli che lavorano dietro lo schermo, sulla piattaforma che gestiscono e progettano?

Oggi sul Sole la ricerca va avanti. Si intervistano persone che lavorano nelle aziende più avanzate compresi gli operatori che fanno le piattaforme per la gig economy. C’è il riflesso brevissimo di una profonda intervista con Susanna Camusso, c’è il distillato di quello che pensano Luca Colombo di Facebook e Matteo Sarzana di Deliveroo. C’è Monica Archibugi delle Cicogne. C’è l’impressione che la gig economy non è destinata ineluttabilmente a diventare “fronte del porto” e ipersfruttamento. Non dico che non lo diventerà: dico che è del tutto possibile che si prenda una strada più umana e intelligente.

Molti i commenti raccolti finora per arricchire questa inchiesta. Mandane uno anche tu…

Il dossier sul lavoro del futuro sul Sole 24 Ore sono:
Il lavoro del futuro una realtà già in atto
Innovazione per abbracciare le opportunità
Cogito, ergo capisco come voi umani
Se il «progetto» rappresenta l’architettura del successo
Le macchine pensate come un insieme
Gli (in)dipendenti della Gig economy

Ecco gli articoli qui sul blog:
Il lavoro del futuro. Una ricerca. (Vuoi contribuire?)
Il lavoro del futuro. La ricerca continua…
Lavoro del futuro. Oggi una puntata sul gioco di squadra
Lavoro del futuro. Fabbriche col consenso

Vedi anche:
L’ineguaglianza, l’ascensore sociale e il lavoro del futuro
Il vero problema dell’auto che si guida da sola. MIT
La ricerca ideologica della creatività automatica

Articoli Correlati

  • 01/10/2017 Il lavoro del futuro e l’ecosistema La grande azienda espelle manodopera. Ma non necessariamente riduce l'occupazione. Questa apparente contraddizione si scioglie se la grande azienda si trasforma in una piattaforma che alimenta un e...
  • 08/10/2017 Due scenari per il lavoro del futuro Sono passati quasi vent’anni dalla pubblicazione de “Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro” di Ulrich Beck. Il sottotitolo dell’edizione italiana curata da Einaudi era “Tramonto delle sicurezz...
  • 27/08/2017 Il lavoro del futuro. La ricerca continua… Molti commenti su tutte le piattaforme alle prime ipotesi emerse dalla ricerca sul lavoro del futuro. Grazie! Da vedere i commenti più articolati che si trovano su questo blog (e speriamo che conti...
  • 20/08/2017 Il lavoro del futuro. Una ricerca. (Vuoi contribuire?) Il Sole 24 Ore sta da tempo conducendo una campagna di sensibilizzazione sulla necessità di operare nuove policy per aumentare l'accesso al lavoro, specialmente dei giovani, e per migliorare le pol...
  • 20/05/2016 Editing genetico: dopo CRISPR arriva NgAgo L'editing genetico è un filone di ricerca e sviluppo tecnologico dalle conseguenze di enorme portata. Cambiare i geni in modo facile e poco costoso può cambiare molti aspetti della vita economica, ...
  • 29/04/2017 Biennale di architettura 2018: il curatore del Padiglione Italia è… Comunica il Mibact: “Sarà Mario Cucinella il curatore del Padiglione Italia alla 16. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia del 2018”. Lo rende noto il Ministro dei beni e delle at...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>