La ricerca ideologica della creatività automatica

manichino-moda

Amazon cerca una leadership culturale anche nella moda. Ha costruito una “ricerca” con la partecipazione di veri studiosi e visionari tecno-progettisti per esplorare le relazioni tra intelligenza artificiale e fashion design. Il punto di partenza è un insight che ha senso segnalare: moltissimi creativi veri usano sempre di più le reti sociali per esplorare trend emergenti. Niente di strano. Ma l'”edeologia” tecnocentrica applicata a questo punto di partenza consente di domandarsi: si potrebbe creare un sistema basato sul machine learning che studi le immagini che ci sono in rete per estrarre pattern utili alla generazione di oggetti di stile in modo automatizzato? La creatività artificiale parte da qui? Direi di no. Ma l’idea può costruire leadership culturale per chi l’ha lanciata. Per un po’. E può sicuramente migliorare il modo in cui Amazon mostra i capi di moda in vendita sulla sua piattaforma: un successo in ogni caso. Ma perché questa non è creatività automatica? Perché in questo modo, nella migliore delle ipotesi, si sistematizza ciò che avviene nello stile ma non si riesce a sviluppare qualcosa che non è avvenuto nella moda. Almeno questa è l’impressione di Tim Oates dell’università del Maryland che ha partecipato all’iniziativa di Amazon. In realtà, anche in questo caso, il machine learning va a ridurre la difficoltà di documentarsi per i designer, ma non sostituisce il loro apporto creativo. (MIT TechReview)

Domani sul Sole 24 Ore, un nuovo pezzo della serie dedicata al lavoro del futuro. Si parla per l’appunto di intelligenza artificiale.

Vedi anche
Domenico De Masi, Lavoro 2025, Marsilio

libro-demasi

Articoli Correlati

  • 25/01/2017 Il gigantesco mondo dei batteri e l’ecologia degli antibiotici Si diceva che ci sono 5.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000 batteri sulla Terra, più delle stelle che ci sono in cielo, per quello che ne sappiamo (BBC, dieci anni fa). O forse un poco meno...
  • 10/02/2016 Diego Piacentini commissario per la digitalizzazione del paese Comincerà ad agosto, Diego Piacentini, a regalare il suo tempo all'Italia. Lascerà temporaneamente Amazon, dove da anni è ai vertici di Amazon, lavorando come senior vice president sui progetti int...
  • 09/12/2016 Ripensando all’internet come architettura distribuita La centralizzazione della maggior parte del traffico in rete e delle risorse realizzata dal successo delle piattaforme private del nuovo millennio e delle operazioni dei servizi segreti pubblic...
  • 12/02/2016 L’astronomia con le orecchie Era una scienza di occhi e telescopi, ma per scoprire le onde gravitazionali l'astronomia ha dovuto farsi crescere le orecchie. Questa e altre battute sono riportate nella cronaca del New York Time...
  • 10/09/2017 Lavoro del futuro. Fabbriche col consenso Oggi la serie sul lavoro del futuro sul Sole 24 ORE prosegue con l'esplorazione di alcune possibilità per la manifattura del futuro. Il disastro industriale degli ultimi dieci anni in Italia, c...
  • 27/07/2016 Non intelligenza artificiale. Ma intelligenza aumentata Pattie Maes lavora al MediaLab dell'Mit. Aveva cominciato con l'intelligenza artificiale. E con Marvin Minsky e Rodney Brooks. Poi si è accorta di non essere tanto interessata a produrre una macchi...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>