Fake news. Un buon bicchiere molto pieno. Con un pizzico di veleno

Una ricerca pubblicata su Human Highway News ha fatto dire a MediaHub che la diffusione di bufale in rete è una bufala. I motivi di questa controversa convinzione sono da cercare nel fatto che solo una piccola quota del traffico sui siti che fanno informazione è destinato a siti che fanno informazione-bufala (Human e MediaHub):

Ma quanto è diffuso il problema delle bufale nel nostro Paese? A dare una risposta alla domanda arriva la desk research di Human Highway, il cui amministratore delegato collabora da tempo con DataMediaHub.

Partendo dalla black list di Bufale.net sono stati analizzati 129 siti di disinformazione medica, scientifica, politica, religiosa e razziale, siti di scandali e complotti.

Secondo la ricerca l’insieme dei 129 siti ha ottenuto nello scorso mese di novembre 23.7 milioni di visite, il 63.8% delle quali provenienti da un social media [nel 98% dei casi si tratta di Facebook]. A confronto con i 93 siti editoriali più popolari in Italia [le testate d’informazione responsabili, con redazione e giornalisti], il traffico Web dei siti che fanno sistematicamente disinformazione è pari a meno di un ventesimo. Le 93 testate editoriali esaminate, infatti, sviluppano nello stesso mese di novembre 569 milioni di visite da desktop e mobile sui propri siti Web. A differenza dei siti “incriminati”, la provenienza di traffico sulle testate editoriali da social è limitata complessivamente al 13.3%.

I bufalari peraltro sono molto bravi a usare i social, più dei normali giornali. Che a loro volta sono tutt’altro che esenti da bufale.

Il lato controverso di questa interpretazione non sta nei numeri ma nella loro interpretazione. In un ecosistema dei media, basta poco inquinamento per avvelenare tutti. Imho.

  • 19/08/2016 La gabbia dorata dei social network esiste, dice uno studio. Ratti e Helbing hanno un’idea Nelle discussioni analizzate da Walter Quattrociocchi, IMT Lucca, Antonio Scala, CNR - Intitute for Complex Systems, Cass R. Sunstein, Harvard Law School, gli utenti del social network mostrano una...
  • 12/01/2017 Fake news. Opportunità per i giornali Una ricerca del Reuters Institute for the study of journalism trova che in gran parte gli editori di giornali pensano che l'ascesa delle fake news online sia un'opportunità per il loro business (Re...
  • 19/01/2017 «Making journalism great again» Jack Shafer, su Politico, scrive, giocando sullo slogan principale del nuovo presidente che è stato eletto negli Stati Uniti: «Trump Is Making Journalism Great Again». Perché la connessione tra...
  • 04/03/2017 Correlazioni e cause: social media, giornali, populismo Walter Quattrociocchi esce lunedì 6 marzo con un nuovo articolo su Pnas. Analizza le echo-chamber che si formano sui social network studiando le interazioni di 376 milioni di utenti Facebook con pi...
  • 23/06/2015 Change.org a 100 milioni Complimenti a Change.org e ai suoi utenti! SAN FRANCISCO, CA - 23/06/2015 - Change.org, la più grande piattaforma per il cambiamento sociale, annuncia oggi che oltre 100 milioni di persone, in 196...
  • 17/08/2016 Che senso ha parlare di politica su Facebook Una ricerca Atlas pubblicata anche da QZ mostra come si comportano gli utenti di Facebook con i post che riguardano le opinioni politiche di chi li scrive. In pratica, solo una incredibilmen...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *