Un libro al giorno, leva il medico di torno. Dicono a Yale. La dieta mediatica sana ha effetto

readingAvni Bavishi, Martin D. Slade, Becca R. Levy di Yale hanno pubblicato “A chapter a day: Association of book reading with longevity” un articolo (a pagamento) che dà conto della loro ricerca sulla relazione tra lettura di libri e longevità. A quanto pare, nel campione di 3635 anziani osservati, i lettori di libri hanno avuto una probabilità di sopravvivenza del 20% superiore ai non lettori nel corso di 12 anni. In altri termini, un’alta probabilità di raggiungere 23 mesi di vita in più (Guardian). Più si legge più si vive, dice lo studio, anche se bastano 30 minuti di libri al giorno per avere effetti sensibili. A quanto pare, la lettura dei giornali non ha lo stesso “effetto”.

Ma soprattutto la ricerca dimostra che meno televisione e più libri è un’indicazione fondamentale per una dieta mediatica sana.

  • 29/04/2016 Ci possiamo capire qualcosa? Dirk Helbing: la crescita esponenziale di tutto aumenta la complessità Nel corso della conferenza organizzata l'altro giorno dall'Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles al Bozar, con Telmo Pievani, Dirk Helbing ha fatto notare che esiste una tendenza poco sottoline...
  • 24/01/2016 Digital Humanities, Bocconi e Bruxelles Una disciplina emergente. Le Digital Humanities sono partite come una sorta di applicazione delle tecnologie digitali alla ricerca degli umanisti, con attività di digitalizzazione degli archivi e a...
  • 25/08/2016 Byung-Chul Han. Nello sciame. Critica della ragione digitale Il filosofo Byung-Chul Han vede un'umanità che vive nell'ambiente trasformato dai media digitali senza comprenderli e, dunque, a sua volta trasformata in uno sciame di individui schiacciati nella d...
  • 24/04/2016 Intanto, sulla libertà di informazione Intanto, come abbiamo visto negli ultimi giorni, è uscita nuova edizione del rapporto di Reporters sans Frontières sulla libertà di informazione nel mondo. L'Italia è 77esima. I problemi che...
  • 20/11/2016 Contro Fakebook, per il next journalism Vale la pena di ricordare oggi il libro di Bill Kovach e Tom Rosenstiel: Blur. How to know what's true in the age of information overload. È un manuale dedicato ad aumentare la consapevolezza dei g...
  • 04/12/2017 Google e Facebook: il nuovo duopolio Una ricerca di Wpp sulle prospettive della pubblicità nel 2018 mostra che il duopolio di Google e Facebook arriverà all'84% del totale della spesa pubblicitaria online nel mondo esclusa la Cina...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *