Home » Approfondimenti » Attenzione media » Intanto, sulla libertà di informazione
Attenzione media media News ricerche

Intanto, sulla libertà di informazione

press

Intanto, come abbiamo visto negli ultimi giorni, è uscita nuova edizione del rapporto di Reporters sans Frontières sulla libertà di informazione nel mondo.

L’Italia è 77esima. I problemi che abbassano la posizione in classifica dell’Italia sono legati soprattutto alle minacce conseguenti a inchieste sulla corruzione e sulla mafia.

Molte cose da commentare. Per esempio: i paesi dell’Europa dell’Est, in molti casi, sono classificati meglio. Hanno molti problemi, evidentemente. Ma riservano anche molta attenzione alla salvaguardia e al miglioramento della libertà di espressione giornalistica. Non solo Slovacchia ed Estonia, Repubblica Ceka e Slovenia, ma anche Ungheria, Romania, Polonia, Serbia, Croazia, Georgia, Bosnia, Armenia e Moldavia sono in posizione migliore dell’Italia.

L’Italia non ha fatto una grande catartica riflessione dopo la seconda guerra mondiale, per pensare e condannare ai crimini che ha commesso nel corso di quel conflitto. E non ha fatto una riflessione profonda dopo la guerra fredda, per pensare ai limiti alla libertà e alla sovranità che aveva accettato durante la contrapposizione tra blocco occidentale e blocco sovietico.

La posizione dell’Italia nella classifica di Reporters sans Frontières non è la conseguenza diretta di queste due questioni, ovviamente. Ma ci si può domandare se non sia uno degli indicatori di un tema più ampio: una sorta di insensibilità di una parte importante della sua società nei confronti di alcuni temi relativi ai diritti internazionalmente riconosciuti che servono all’evoluzione della democrazia, come la qualità dell’informazione e della libertà di stampa. Molte iniziative stanno crescendo per correggere questa situazione. E le occasioni per incontrarle non mancano. Ma forse, proprio nell’anno in cui l’Italia ripensa i suoi equilibri costituzionali, dedicare un pensiero alla funzione dell’informazione e della ricerca giornalistica nel quadro degli equilibri di potere può essere importante. Imho.

Vedi:
Classifica Reporters sans Frontières
Hungarian civil liberties union
European centre for press and media freedom

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video