Se ci pensa il mercato siamo in buone mani?

Se ci pensa il mercato siamo in buone mani?

Ovviamente non siamo in buone mani se ci pensano i politici. Ma se ci pensa il mercato siamo a posto? Di che cosa stiamo parlando? Stiamo parlando della migliore allocazione delle risorse, delle scelte fondamentali per la società, della qualità della vita e così via. Oggi il presidente del Consiglio italiano ha detto al Sole che affida al mercato la soluzione del problema delle banche (vedi l’intervista sul Sole). Evidentemente è meglio che affidarla a un politico che passa di lì. Ma di certo il mercato non è quella cosa che sa allocare nel modo migliore le risorse, come sostenevano gli economisti neoclassici. E’ una storia molto vecchia, ovviamente. Ma oggi sul Wall Street Journal una frase di John Green appare particolarmente azzeccata per rinnovare un poco la questione:

What markets are really bad at predicting is what’s going to happen in 10 years. What would be really good for markets is to cure malaria. There could hardly be anything better. And yet drug companies do not have high incentives to cure malaria. They have many more incentives to create a drug to make eyelashes longer.

Markets cannot see what’s in the best interest of people, much less what’s in the best interest of markets (Wsj).

IL mercato non è altro che un sistema di regole che garantiscono la concorrenza. Abbattere le regole che garantiscono il potere dei politici, abbattere le regole che garantiscono il potere dei capitalisti, è una buona prassi. Abbattere le regole che garantiscono il mercato è una cattiva prassi. La liberalizzazione totale favorisce il capitalismo, la regolamentazione totale favorisce i politici: l’antitrust e altre discipline a favore del mercato garantiscono la concorrenza (vedi come al solito Fernand Braudel in proposito magari adattato alla on demand economy tanto per fare un esempio). Ma anche questo non basta se si guarda a una dinamica più lunga.

Green aiuta a capire che il sistema incentivante che opera nel mercato è prevalentemente orientato al breve termine e non al lungo termine. Questo significa che le regole che garantiscono la concorrenza dovrebbero essere inserite in un contesto normativo più ampio che costituisca incentivo a guardare più lontano. E questo è per esempio quello che si fa con le regole a favore dell’ambiente. Mi pare che il ritorno costante alla stereotipata idea che “ci pensa il mercato” sia una pratica da superare. Non solo non convince più. Ma è anche vagamente fuori tempo e dannosa. Specialmente se si tratta di banche, direi, che fino a quando sono “too big to fail” non stanno proprio nel mercato ma nel capitalismo. Imho.

Articoli Correlati

  • 16/09/2015 Finanza e qualità del lavoro. L’algoritmo del nuovo taylorismo Metro-boulot, metro-dodo. Si diceva a Parigi per dire come la vita centrata sul lavoro nella grande capitale francese fosse ripetitiva e priva di divertimento. Si torna a parlarne, nel quadro del d...
  • 12/02/2016 Italia-Germania: collaborazione o si salvi chi può? Nella guerra economica che si sta svolgendo a valle della crisi del 2008, le economie europee sono alle prese con il dilemma fondamentale: cooperare separarsi per salvare il salvabile. La quest...
  • 17/08/2015 TTIP e l’energia da fonti rinnovabili Il TTIP - ormai si è capito - consente alle multinazionali di far causa ai governi se le leggi vanno contro i loro interessi. E tutto si gioca sui limiti - ancora segreti - che saranno posti a ques...
  • 13/08/2015 Clima. L’alternativa sbagliata Tony Abbott, primo ministro dell'Australia, dice che i limiti alle emissioni di CO2 che ha deciso sono nella media delle economie indistrializzate. E spiega che non li ha voluti più ambiziosi per n...
  • 16/02/2016 TTIP in mezzo all’Atlantico. Che cosa è segreto. Che cosa si sa. Di che cosa si dovrebbe discutere La trattativa segreta tra Ue e Usa per il nuovo trattato di libero scambio chiamato TTIP alimenta polemiche, sospetti, preoccupazioni, speranze lobbistiche. Ma soprattutto disinteresse. Ed è questo...
  • 27/09/2015 Tolstoj Lev Tolstoj maestro di non violenza di Gandhi. Lev Tolstoj corrispondente scettico del pacifismo milanese. Lev Tolstoj figura attraente e nello stesso tempo critica per le società teosofiche. Leg T...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>