Home » Senza categoria » Populisti, tecnocratici. Autoritari, repubblicani. Vedi la Turchia
Economia Felicità partecipazione perplessità Post Senza categoria

Populisti, tecnocratici. Autoritari, repubblicani. Vedi la Turchia

In altre occasioni abbiamo avuto modo di discutere del fatto che tecnocratici e populisti possono essere due facce della stessa medaglia: l’incapacità di leggere la realtà percepita; da una parte per mancanza di disponibilità ad aggiustare le teorie in base al responso empirico della storia, dall’altra parte per la faciloneria nell’inventare teorie e scenari che non hanno nulla a che fare con la realtà empirica ma che rispondono alla realtà percepita.

Il problema è che questo sta generando conseguenze non volute. Dal populismo sta emergendo prepotente – è il caso di dirlo – l’autoritarismo. Dalla tecnocrazia sta emergendo la debolezza della legge di fronte all’arbitrio.

Il presidente americano opera nel pieno dell’arbitrio autoritario. Disattende le regole Wto, lancia sanzioni contro la Cina, produce una crisi per esempio della Zte, riceve una chiamata con richiesta d’aiuto dal presidente cinese – dicono – e risponde decidendo di facilitare la ripresa della Zte. E poi tutto il resto. Gli attacchi all’Iran. Gli attacchi alla Turchia. L’amicizia con la Russia. Le parole suadenti per il Messico. Il disprezzo per la Germania. Tutto soggettivo, autoritario, arbitrario, senza legge, senza analisi, senza teoria: tutto coerente soltanto nella storia che si è formata nella mente degli americani che lo votano.

La Turchia sta pagando attualmente il prezzo di questo autoritarismo altrui, che peraltro sembra rispondere all’autoritarismo che ha scelto per sé, alle elezioni.

Il contrario del populismo e della tecnocrazia è l’ascolto della realtà e la disponibilità ad aggiustare la teoria alle risposte della storia. Il contrario dell’autoritarismo è il bene comune, la repubblica: solo se è protetto da regole accettate da tutti, il bene comune funziona ed è il migliore modo per gestire le risorse sulla base delle quali si sviluppa la vita in comune dei gruppi nei territori e dei popoli nel pianeta. Imho

La crisi attuale è la crisi del bene comune.

Vedi (in ordine cronologico inverso):
Populisti o tecnocratici: la bolla dei filtri e la sfera pubblica
Correlazioni e cause: social media, giornali, populismo
Tecnocratici e populisti sono simili. Come andare oltre? Appunti da Symbola
Populisti e tecnocratici. C’è una via d’uscita (a parte Brexit)…

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video