Home » Approfondimenti » Bill of rights » Libertà di innovare! La vittoria della net neutrality in Europa è una buona notizia
Approfondimenti Bill of rights media Neutralità News partecipazione Post

Libertà di innovare! La vittoria della net neutrality in Europa è una buona notizia

Alla fine il Parlamento Europeo è riuscito a far valere la sua posizione nel trialogo con la Commissione e il Consiglio per quanto riguarda la net neutrality. E a leggere la spiegazione dettagliata delle decisioni che sono state prese c’è da farsi coraggio: Roaming charges and open Internet: questions and answers.

Il principio è solidamente descritto. Tutto il traffico deve essere trattato nello stesso modo senza discriminazioni. Qualche management della rete è consentito ma senza finalità commerciali. Si possono fare servizi prioritizzati ma sopra, oltre internet, senza usare un megabit/s di banda internet per dedicarlo a questi servizi. Ovviamente gli avvocati avranno da lavorare, ma i principi sono abbastanza chiari.

È un importante passo avanti per l’Europa. Senza una protezione normativa la net neutrality e la libertà di innovazione sarebbero state erose e nel tempo annullate.

Il problema emergente è lo zero rating: una compagnia telco offre traffico gratis a chi usa un particolare servizio di contenuto con l’editore del quale si è messa d’accordo. Ovviamente non sembra per niente a posto con la net neutrality. E l’Europa se n’è accorta. Ma non ha una posizione chiarissima. È una discriminazione. Ma è una possibilità di articolare una nuova offerta commerciale. L’Europa si affida alle autorità regolatorie perché il principio sia saldo.

La faccenda zero rating è sottile. Se lo pensa anche l’Ocse. Nel suo Digital Economy Outlook si mostra particolarmente incerta sullo zero rating.

Forse basterebbe dire che non ci possono essere esclusive con zero rating…

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video