Spazi giornalistici di nuova generazione

Il giornalismo è un mestiere per innovatori. Se n’è parlato qui e altrove (come nei pezzi citati qui e su Ldsi, Mdplab, Giuze).

Ma i giornalismi sono molti, come dice Angelo Agostini.

Occorre cercare questi nuovi spazi di lavoro. Elaborare una visione. Sperimentare soluzioni. Con approccio empirico e spirito di servizio. Facciamo degli esempi, da prendere solo come appunti di lavoro.

La cronaca potrebbe esprimersi in modi nuovi tenendo presente l’evoluzione degli open data. Trasparenza delle decisioni ammnistrative e politiche, informazioni sulla sanità, la scuola, il traffico e così via, saranno sempre più coperte da dati disponibili in modo aperto ma comunque da riassumere e dotare di senso. Un mestiere per giornalisti che parlano con designer e programmatori.

L’information overload potrebbe dare luogo a sempre nuove forme di curation.

L’incrocio di attività social ed emersione dei temi da portare in agenda comune potrebbe dare luogo a nuove forme di osservazione delle tensioni sociali e di risposta interpretativa.

La costruzione di nuove piattaforme per le decisioni collettive potrebbe suggerire servizi di informazione civici al servizio delle comunità che innovano il modo di elaborare programmi d’azione e scelte.

E così via. Tenendo presente che, come si diceva, in questi spazi ci sono nuovi servizi e potenzialmente nuovi business.

Maybe content is king and context is emperor, but the public is a Republic.

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?