Home » ricerche » Progetto per il discernimento. Articolo inviato da Elena Schiaffino, cofounder di Engitel: http-html
ricerche

Progetto per il discernimento. Articolo inviato da Elena Schiaffino, cofounder di Engitel: http-html

A seguito del lancio del progetto per il discernimento abbiamo ricevuto alcuni contributi. Questo è di Elena Schiaffino, cofounder di Engitel, ed è dedicato a: “http-html”. Ecco il testo.

Http-html

L’innovazione più strepitosa è arrivata a cavallo fra il secondo ed il terzo millennio. Ma è quella che, ancora oggi, permette a tutti noi di scrivere su questo blog.

È il protocollo HTTP unito all’HTML. E sottolineo HTML (siamo alle quinta versione e chissà quante ne seguiranno): non XHTML. È il linguaggio comune su cui si basa la condivisione di idee e creazioni nel millennio che verrà. Blog, siti, social network, app: tutto ha una matrice comune e tutto vive nel nostro ECO-sistema digitale.

Blockchain e IoT rivoluzioneranno il mondo (e lo hanno già cambiato). Ma quando diventeranno grandi avranno sempre a che fare con gli “anziani” HTTP e HTML e della loro sapienza. Grazie a queste due sigle il digitale è diventato uno spazio comune, nel quale le idee non si esauriscono nello spazio ristretto di una comunità fisica ma viaggiano nell’universo mondo. Seguendo direzioni proprie. La possibilità tecnologica di condividere è oggi un dato di fatto. Ma è, tutto sommato, un’opportunità recente. È una lingua che tutti usiamo senza conoscerne l’alfabeto. Ed è questa la sua grandezza.

Il formato HTML è molto semplice. Il documento dal quale tutto nasce non è neppure ufficiale. Più che un testo organico è un patchwork: un insieme di elementi presi qua e là da Tim Berners-Lee. Quanti? Appena 21: i 21 pilastri sui quali si è fondato lo sviluppo di Internet. Il loro numero, nel frattempo, si è moltiplicato. Senza però tradire un principio (che poi è anche quello della rete): ogni elemento del web è composto da parti semplici che, prese singolarmente, non saranno mai troppo potenti. Ma non è tutto: ogni elemento HTML è fondamentalmente composto da due tag e da un contenuto, che sarà riconosciuto da un browser aggiornato. Ma cosa succede nelle versioni precedenti? Il nuovo contenuto non verrà rifiutato ma semplicemente ignorato. In altre parole, l’HTML è un linguaggio tollerante. Ed è questa la caratteristica che ne assicura la resilienza, cioè la capacità di adattarsi ai cambiamenti, di crescere mutando forma. È la legge del: “Be conservative in what you send. Be liberal in what you accept”. Cautela e tolleranza. Un un po’ il contrario del Gattopardo: non cambiare tutto perché nulla cambi ma restare se stessi per cambiare tutto.

Vai alla Home Progetto Discernimento

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video