Fake imaging. Come i cracker del futuro si attrezzano per imbrogliare le auto autonome

Gli amici di Equiliber stanno discutendo di come in futuro le auto a guida autonoma potranno essere ingannate. Non si tratta soltanto di entrare surrettiziamente nei loro computer o nelle loro comunicazioni digitali (cosa che comunque preoccupa come dimostra la decisione di Charlie Miller). Si potranno mandare in tilt i computer di bordo anche mostrando loro immagini che notoriamente li traggono in errore. Ne parla la BBC e OpenAI. Prospettiva complicata… La strada per l’auto autonoma potrebbe essere piuttosto tortuosa…

Articoli Correlati

  • 13/04/2017 Charlie Miller lascia Uber. Ma non per il solito motivo per cui si lascia Uber Charlie Miller aveva un posto nella cybersicurezza per il taxi senza autista di Uber. Era diventato famoso per aver hackerato una Jeep Cherokee prendendone il controllo a distanza. Pare che non cre...
  • 06/07/2015 Alberto Broggi, Vislab: exit da 30 milioni Ambarella compra per 30 milioni la Vislab spinoff dell'università di Parma e di Alberto Broggi che ha sviluppato innovativi sistemi di visione e la sua pionieristica auto che si guida da sola....
  • 16/07/2016 Intelligenza artificiale? Le auto che si guidano da sole sono più sicure di quelle guidate da umani (Joshua Brown)? Gli articoli scritti da intelligenza artificiale sono più affidabili di quelli scritti da umani (Andreas Gr...
  • 01/07/2016 FATAL ERROR. Il primo incidente mortale di una Tesla mentre era senza pilota Joshua Brown, 40 anni, è morto mentre non era alla guida di una Tesla con l'autopilota inserito. È il primo morto in un incidente nel quale è coinvolta un'auto che si guida da sola. Secondo i p...
  • 17/03/2016 Le auto che si scontrano da sole Le auto che si guidano da sole non fanno incidenti? Sembrava che fosse così, poi sono saltati fuori molti casi che smentivano questa convinzione: ma erano incidenti causati dagli umani, magari per ...
  • 27/08/2015 Google risponde all’Antitrust Google risponde all'Antitrust. Il post che ne dà conto è - come minimo - troppo sintetico per poter essere giudicato in pieno. Il titolo è: Improving quality isn’t anti-competitive. Non sembra cont...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>