Quei due che hanno cambiato il pensiero sul pensiero

È la storia dell’amicizia tra Daniel Kahneman e Amos Tversky i due studiosi che hanno aperto la strada a un cambiamento fondamentale nel modo in cui si pensa il pensiero. Contro ogni pretesa dell’economia intorno all’idea dell’homo oeconomicus, hanno dimostrato che la gran parte delle decisioni sono istintive o basate sull’intuizione e solo una minoranza è basata sul ragionamento controllato. Il che è premessa di un’economia irrazionale e di ogni genere di manipolazione, ma anche di attenzione per le premesse teoriche dell’economia della felicità. Il libro è: The Undoing Project: A Friendship That Changed Our Minds, di Michael Lewis (New Yorker).

  • 01/05/2017 Design come ricerca di senso Un compendio di storia del design all'italiana e una bella, sintetica interpretazione del ruolo che il design sta assumendo in prospettiva. Il libro di Alberto Bassi, Design contemporaneo. Istruzio...
  • 09/04/2016 La cura plurale   Salvatore Iaconesi e Oriana Persico hanno costruito uno spazio di meditazione sulla malattia e la cura, la morte e la vita, l'ospedalizzazione e la socializzazione. Dove si vede che ciò...
  • 31/08/2016 Alessandro Fusacchia racconta. Connessi, solitari y finales Alessandro Fusacchia ha scritto un romanzo da leggere. La storia di un gruppo di amici che rappresentano una generazione: sradicati, solidali, straordinari. Solitari. Di certo non l'avrebbe mai chi...
  • 13/02/2016 Imperdibile: The philosophy of information Un'introduzione alla filosofia dell'informazione. Con tutti i concetti basilari. Liberamente disponibile in pdf su Accademia. Intanto segnalo, poi ne parliamo. 
  • 13/06/2016 From the Corporate Sharing Economy to Platform Cooperativism Presentata all'università di Catalogna l'opera di Trebor Scholz intitolata "From the Corporate Sharing Economy to Platform Cooperativism" (Uoc). Si tratta di un libro di analisi e attivismo. Che su...
  • 20/04/2016 Dati, informazione, conoscenza. Discernimento. Saggezza Spesso ricordata, l'intuizione di T.S. Eliot: Where is the wisdom we have lost in knowledge? Where is the knowledge we have lost in information? Commenta James Gleick: «Si può parlare di ans...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *