Padova attraente

Il programma di attrazione di talenti universitari a Padova sta funzionando. Ecco il comunicato:

Ricerca, scienza, formazione e internazionalizzazione: il 28 ottobre 2016 alle ore 9,30 nell’Aula Magna di Palazzo del Bo a Padova Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e il Rettore Rosario Rizzuto incontreranno gli scienziati provenienti da tutto il mondo richiamati a svolgere le proprie ricerche all’Università di Padova.

I giovani ricercatori vincitori di ERC interverranno a fianco del Presidente del Consiglio portando la loro esperienza e spiegando le motivazioni della loro scelta di trasferirsi a Padova per svolgere attività di ricerca.

Tra gli altri:
Lucia Nicola arriva dalla Delft University of Technology (Olanda) dove è professore associato al Dipartimento di Scienze dei Materiali, è risultata vincitrice di un ERC con l’obiettivo una migliore comprensione of metal friction and solid lubrication.
Matteo Millan, giovanissimo ricercatore classe 1983, dopo un periodo trascorso all’estero, tra Oxford (UK) e Dublino, vincitore di un ERC per il progetto The dark side of the Belle Époque. Political Violence and Armed Associations in Europe before the First World War, torna a Padova in qualità di Professore Associato al Dipartimento di Scienze storiche, geografiche e dell’Antichità.
Petra Ritter, neuroscienziata che da Berlino ha deciso di venire a Padova a proseguire la propria attività di ricerca, vanta già importanti studi sulle “organizzazioni complesse” delle funzioni cerebrali e delle interazioni neuronali volti a identificare i meccanismi generativi delle dinamiche in atto di un neurone e chiarirne i principi di interazione con i nuovi eventi tramite tecniche avanzate di neuroimaging multimodale.

E poi ancora: Francesco Rossi (Matematica), Emanuela Sanfelici (Studi linguistici e letterari), Antonino Milone (Fisica e Astronomia), Mario Liotti (Psicologia), Marco Narici (Scienze biomediche, fisiologia), Simone Angelo (Ingegneria industriale, scienze e tecnologie dei materiali), Bernardo Innocenti (bioingegneria industriale), Nuria Mach (Nutrizione e alimentazione animale), Franck Dittengou Anicet (Fisiologia vegetale; qui suo video su volo parabolico per sperimentare gli effetti di assenza di gravità sulle piante), Livia Holden (discipline Demoetnoantropologiche), Jannis V. Pathanasiu (Medicina fisica e riabilitativa), Piero Giubilato (Fisica sperimentale), Gabriella Pinzari (Fisica matematica),Giovanni Volpe (Fisica della materia), Stefano Corni (Chimica fisica), Simone Montagnero (Fisica della materia), Elisa Bernardini (Fisica sperimentale), Domenico de Ceglia (Campi elettromagnetici), Elena Ziviani (Biochimica), Andrea Alimonti (Farmacologia).

  • 23/08/2016 Padova Nòva. Open innovation days: programma aperto Tavoli della Ragione. Si possono mandare proposte Comincia il 29 settembre, alla sera, e finisce il 1 ottobre alla sera. Padova Nòva - Open innovation days è un percorso di ricerca che comincia. In una città che si comprende soltanto con la su...
  • 28/02/2016 Raccolta dati per Big Data, Miur Il Miur ha messo insieme un piccolo gruppo di lavoro (al quale dò una mano) per compilare un rapporto sui Big Data allo scopo di studiare i possibili miglioramenti nella formazione in materia ed ev...
  • 23/02/2017 Pisa. Il knowledge management nella media ecology Ecco i primi contenuti del corso in "knowledge management" che tengo quest'anno all'università di Pisa. Il management, la gestione: etimologicamente e storicamente è l'interpretazione dell'educator...
  • 07/04/2017 Pisa. Diritti e internet Il corso di knowledge management termina oggi con questa lezione sulla relazione tra le regole che adottiamo per gestire l'informazione e le norme di comportamento che imponiamo alla società. Lo sc...
  • 02/04/2017 Commenti al master di comunicazione della scienza Nella complessità della vita contemporanea, i confini tra la concretezza e l’astrazione diventano più labili. Per esempio nel lavoro, nell’economia quotidiana. I mestieri, nella pratica, vanno ...
  • 06/04/2017 Pisa. L’organizzazione dell’informazione per la scoperta Anche oggi una lezione a Pisa per il corso di knowledge management è sconfinata nella discussione sul senso di quello che stiamo facendo. Si vede che ce n'è bisogno. Anche perché ne abbiamo trovato...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *