Optogenetica: da pensare come il CRISPR

brain2Abbiamo visto come il CRISPR possa sfidare l’umanità a imparare a usare saggiamente la tecnologia che produce: ora possiamo modificare il patrimonio genetico a basso costo su praticamente ogni forma di vita.

In neuroscienza c’è un altro filone altrettanto sfidante. Si discute di un insieme di tecnologie che servono a modificare il comportamento del cervello e che va sotto il nome di optogenetica. In pratica si modificano i neuroni in modo che possano reagire a certi segnali liminosi e poi si inseriscono nel cervello tecnologie che gestiscono questi segnali (Wef).

Come nel caso del CRISPR, anche l’optogenetica presenta applicazioni bellissime e straordinariamente importanti, ma anche incredibili rischi. Possiamo curare malattie terribili. E possiamo creare condizionamenti cerebrali sulle persone.

La discussione che gli umani devono avviare su queste tecnologie è urgente, profonda e importante. Ancora una volta non possiamo lasciare tutto questo ai cinici professionisti del grande wow e neppure ai passivi spettatori dello scettico “chissenefrega” (blog).

Vedi anche:
CRISPR-Cas9, gene editing: il bisogno di una scienza delle conseguenze
CRISPR-Cas9: lo sfruttamento dei geni
Editing genetico: dopo CRISPR arriva NgAgo
Il primo uso clinico di CRISPR su umani si avvicina in Cina

Articoli Correlati

  • 06/11/2016 Editing genetico delle capre per produrre più cashmere I ricercatori della Yulin University hanno usato il gene editing con la tecnica CRISPR-CAS9 per introdurre una mutazione negli embrioni di capra produttrice di cashmere allo scopo di disabilitare i...
  • 12/02/2016 L’astronomia con le orecchie Era una scienza di occhi e telescopi, ma per scoprire le onde gravitazionali l'astronomia ha dovuto farsi crescere le orecchie. Questa e altre battute sono riportate nella cronaca del New York Time...
  • 20/05/2016 Editing genetico: dopo CRISPR arriva NgAgo L'editing genetico è un filone di ricerca e sviluppo tecnologico dalle conseguenze di enorme portata. Cambiare i geni in modo facile e poco costoso può cambiare molti aspetti della vita economica, ...
  • 28/12/2015 Bocconi. Studenti e digitale Il Centro Ask dell’Università Bocconi e Pearson hanno realizzato uno studio sul rapporto degli studenti (11-19 anni) con le nuove tecnologie digitali rispetto alle attività di studio, tanto a scuol...
  • 28/05/2015 La rete doveva ridurre le asimmetrie informative. Attualmente non ci riesce. Ubiquitous Commons servono a riequilibrare La rete doveva aumentare il potere di accesso all'informazione di tutti e ridurre la concentrazione del sapere. Per un po' di tempo ci è riuscita. E certi risultati sono straordinari. Si è formato ...
  • 16/07/2016 Intelligenza artificiale? Le auto che si guidano da sole sono più sicure di quelle guidate da umani (Joshua Brown)? Gli articoli scritti da intelligenza artificiale sono più affidabili di quelli scritti da umani (Andreas Gr...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>