Optogenetica: da pensare come il CRISPR

brain2Abbiamo visto come il CRISPR possa sfidare l’umanità a imparare a usare saggiamente la tecnologia che produce: ora possiamo modificare il patrimonio genetico a basso costo su praticamente ogni forma di vita.

In neuroscienza c’è un altro filone altrettanto sfidante. Si discute di un insieme di tecnologie che servono a modificare il comportamento del cervello e che va sotto il nome di optogenetica. In pratica si modificano i neuroni in modo che possano reagire a certi segnali liminosi e poi si inseriscono nel cervello tecnologie che gestiscono questi segnali (Wef).

Come nel caso del CRISPR, anche l’optogenetica presenta applicazioni bellissime e straordinariamente importanti, ma anche incredibili rischi. Possiamo curare malattie terribili. E possiamo creare condizionamenti cerebrali sulle persone.

La discussione che gli umani devono avviare su queste tecnologie è urgente, profonda e importante. Ancora una volta non possiamo lasciare tutto questo ai cinici professionisti del grande wow e neppure ai passivi spettatori dello scettico “chissenefrega” (blog).

Vedi anche:
CRISPR-Cas9, gene editing: il bisogno di una scienza delle conseguenze
CRISPR-Cas9: lo sfruttamento dei geni
Editing genetico: dopo CRISPR arriva NgAgo
Il primo uso clinico di CRISPR su umani si avvicina in Cina

Articoli Correlati

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>