Una buona notizia sulla libertà di linkare

È sempre stato un dibattito assurdo, paradossale. Eppure migliaia di pagine si sono sprecate a discutere intorno al seguente problema: chi mette un link a una pagina web sul proprio sito è in qualche modo responsabile di quello che si trova nella pagina linkata (o, da un altro punto di vista, ne sta sfruttando il copyright)? L’avvocato generale alla Corte europea dice di no, smentendo il parere di molti altri. E sostiene che chi linka può linkare indipendentemente che sappia o non sappia dell’eventuale illecito che è commesso da chi ha fatto la pagina linkata. Nell’80% dei casi il parere dell’avvocato generale diventa anche il parere della Corte (Inno).

Il web è i suoi link. Fare dei link un atto di comunicazione complice delle azioni di chi ha fatto le pagine linkate rende incerto chiunque voglia linkare, comprime e depotenzia il fondamento architetturale e comportamentale del web… Il parere di oggi è una buona notizia.

Articoli Correlati

  • 11/10/2015 Costi post Safe harbor Dicono a Facebook che la fine del Safe harbor costerà molto. Perché a prendere le decisioni della Corte di giustizia alla lettera, le multinazionali del web dovrebbero replicare i loro data center ...
  • 09/12/2016 Ripensando all’internet come architettura distribuita La centralizzazione della maggior parte del traffico in rete e delle risorse realizzata dal successo delle piattaforme private del nuovo millennio e delle operazioni dei servizi segreti pubblic...
  • 07/12/2015 Salviamo i link Da anni, una mentalità diffusa quanto vecchia e dirigista, legata al mondo del broadcast e poco propensa a comprendere il senso di internet, tenta di introdurre normative che servano in vario modo ...
  • 17/07/2015 Libertà di innovare! La vittoria della net neutrality in Europa è una buona notizia Alla fine il Parlamento Europeo è riuscito a far valere la sua posizione nel trialogo con la Commissione e il Consiglio per quanto riguarda la net neutrality. E a leggere la spiegazione dettagliata...
  • 01/10/2016 Nature: gli algoritmi dovrebbero essere trasparenti L'importanza degli algoritmi nella vita quotidiana è crescente. Non è giusto che il pubblico non li conosca e non li possa conoscere. È un po' quello che è successo con i prodotti per i consumatori...
  • 15/06/2016 Vittoria per la net neutrality in Usa Una corte d'appello americana ha stabilito che l'internet deve essere neutrale. È come una utility. Nessuno può discriminare che cosa viaggia in rete (NyTimes). È una grande vittoria per i sost...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>