Lo 0,7% che possiede il 45,2% della ricchezza del mondo

Lo 0,7% che possiede il 45,2% della ricchezza del mondo

Credit Suisse ha pubblicato una vasta ricerca sulla distribuzione della ricchezza nel mondo. E ha trovato che 3,4 miliardi di adulti hanno meno di 10mila dollari a testa, il 3% della ricchezza mondiale, mentre i più ricchi, lo 0,7% degli adulti, possiedono 45,2% della ricchezza mondiale (Global Wealth Databook 2015, pdf da 10mega). In totale, il 92% della popolazione adulta mondiale ha il 15,5% della ricchezza del mondo. L’8% della popolazione adulta mondiale ha l’84,5% della ricchezza del mondo. Lo studio è stato realizzato da Anthony Shorrocks e Jim Davies.

The Credit Suisse Global Wealth Databook provides detailed information on the evolution of household wealth levels through the period 2000 to mid-2015 at both the regional and country level. It presents our estimates on the distribution of wealth for over 200 countries. Based on this rich data, the Databook presents findings on the global middle class, its size and how it fared over time.

Come è stato calcolato il risultato?

We aim to provide the best available estimates of the wealth holdings of households around the world for each year since 2000. More specifically, we are interested in the distribution within and across nations of individual net worth, defined as the marketable value of financial assets plus non-financial assets (principally housing and land) less debts. No country in the world has a single comprehensive source of information on personal wealth, and many low and middle income countries have little direct evidence of any kind. However a growing number of countries – including China and India as well many high income countries – have relevant data from a variety of different sources which we are able to exploit in order to achieve our objective.

The procedure involves three main steps (…). The first step establishes the average level of wealth for each country. The best source of data for this purpose is household balance sheet (HBS) data, which are now provided by 48 countries, although 31 of these countries cover only financial assets and debts. An additional four countries have household survey data from which wealth levels can be calculated. Together these countries cover 66% of the global population and 96% of total global wealth. The results are supplemented by econometric techniques, which generate estimates of the level of wealth in 160 countries that lack direct information for one or more years.

The second step involves constructing the pattern of wealth holdings within nations. Direct data on the distribution of wealth are available for 31 countries. Inspection of data for these countries suggests a relationship between wealth distribution and income distribution, which can be exploited in order to provide a rough estimate of wealth distribution for 135 other countries, which have data on income distribution but not on wealth ownership.

It is well known that the traditional sources of wealth distribution data are unlikely to provide an accurate picture of wealth ownership in the top tail of the distribution for most countries. To overcome this deficiency, the third step makes use of the information in the rich lists published by Forbes Magazine and others to adjust the wealth distribution pattern in the highest wealth ranges.

Secondo queste stime, in Italia il 2,3% ha più di un milione, il 47,7% ha tra 100mila e un milione, il 37,6% ha tra 10mila e 100mila dollari, il 12,4% ha meno di 10mila dollari. La Germania ha la stessa percentuale di ricchi, più del doppio meno abbienti. Il Regno Unito ha il doppio di quota dei ricchi e meno poveri in percentuale. In generale lo studio osserva che la classe media si è molto arricchita nel corso del secolo scorso e fino alla crisi finanziaria iniziata nel 2007/2008. Dopo di allora la ricchezza si è andata concentrando tra i più ricchi.

Qualunque statistica del genere può essere discussa. Per esempio è discusso il trattamento delle pensioni per la stima della ricchezza. Ma questo studio offre vasto materiale per affrontare l’argomento su una base fattuale e con metodo trasparente.

Articoli Correlati

4 Commenti su “Lo 0,7% che possiede il 45,2% della ricchezza del mondo

  1. Una ulteriore conferma del fatto che “Capital” di Thomas Piketty non è mosso da preconcetti ideologici, ma è una rappresentazione fattuale dell’evoluzione del Capitalismo, che lo ha portato da anni in una fase preoccupante e pericolosa.

Add Comment Register



Rispondi a angelica Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>