Finanza e qualità del lavoro. L’algoritmo del nuovo taylorismo

Finanza e qualità del lavoro. L’algoritmo del nuovo taylorismo

Metro-boulot, metro-dodo. Si diceva a Parigi per dire come la vita centrata sul lavoro nella grande capitale francese fosse ripetitiva e priva di divertimento. Si torna a parlarne, nel quadro del dibattito sullo stile di lavoro ad Amazon secondo il controverso ritratto del New York Times. Le compagnie internettizzate stanno creando un mondo di persone alienate che lavorano in modo parcellizzato e nevrotico?

Viene in mente un caso personale. Alle tre del pomeriggio, telefono a un albergo della città che sto raggiungendo in automobile, in Canada, per prenotare. La signora del call center mi fa un sacco di domande ovvie sul nome, cognome, carta di credito e così via, fino a quando mi chiede: «Pensa di arrivare prima di mezzogiorno?». Faccio notare che sono le tre del pomeriggio. Ma la signora mi risponde: «Lo devo chiedere: è la procedura».

La procedura. Il tema non parte dalle tecnologie. Parte da una filosofia di management. E da una sua precisa alleanza con gli incentivi messi in campo dalla finanza.

Il pezzo del New York Times è stato contestato da Jeff Bezos. È apparso al Guardian come il frutto di uno scontro di culture. Non cesserà di fare discutere, perché l’argomento è alimentato da una quantità di notizie.

Ma, come fa notare di passaggio l’Economist, il punto centrale è che, quando è uscito il pezzo del New York Times, il valore delle azioni di Amazon è cresciuto. Alla finanza piace un’azienda iperproceduralizza, che controlla minuziosamente la performance e premia chi fa numeri, cacciando senza pietà chi non raggiunge gli obiettivi.

L’articolo dell’Economist è magnifico. Osserva come ci sia una continuità tra il pensiero del management scientifico, il taylorismo e le forme di organizzazione del lavoro che sembrano emergere nelle grandi aziende fortemente digitalizzate.

Il management scientifico di Frederick Taylor si basava su tre indicazioni: «break complex jobs down into simple ones; measure everything that workers do; and link pay to performance, giving bonuses to high-achievers and sacking sluggards». La proceduralizzazione era dunque parte del suo pensiero, insieme, a un sofisticato sistema di misurazioni e incentivi. Con la tecnologia digitale, i cultori attuali del taylorismo possono misurare meglio e proceduralizzare di più, decidendo poi che genere di sistemi incentivanti adottare.

La sensibilità delle aziende è diversa. Richard Branson sembra puntare di più sulla responsabilizzazione dei collaboratori. Altri sono più orientati al controllo minuzioso del loro lavoro. Qualunque sia la verità sul caso dell’articolo del New York Times su Amazon, però, la realtà è che l’incentivo sistemico introdotto dalla finanza è pressante. E spinge a “oggettivizzare”, a trasformare in asset il più possibile dei valori dell’azienda, anche quelli immateriali e organizzativi, per motivarne il valore. Spinge a puntare sui brevetti più che sulla cultura aziendale. Spinge a credere nella procedura softwarizzata più che sulla collaborazione basata sulla prossimità informale. Tutto molto interessante, specialmente nel quadro complesso della globalizzazione. Ma nello stesso tempo mette in secondo piano gli aspetti umani che rendono divertente e creativo il lavoro.

Non stupisce che una finanza ormai molto algoritmica, privilegi la proceduralizzazione delle funzioni delle persone che lavorano. Se fosse vero, sarebbero i primi robot che producono autonomamente altri robot e prendono il controllo degli umani: ma per quanto verosimile, direi che non è ancora vero. Ma è una narrazione che, se adottata e ritenuta conveniente, produce scelte che l’avverano.

Articoli Correlati

  • 13/08/2015 Clima. L’alternativa sbagliata Tony Abbott, primo ministro dell'Australia, dice che i limiti alle emissioni di CO2 che ha deciso sono nella media delle economie indistrializzate. E spiega che non li ha voluti più ambiziosi per n...
  • 15/07/2015 Un gesto artistico per il cosmopolitismo. Costellazione all’Expo di Rho Essere a casa in ogni luogo del mondo senza perdere la coscienza delle proprie radici culturali. Il cosmopolitismo è uno stile di vita perfetto per costruire futuro nel mondo attuale. Curioso delle...
  • 26/08/2015 New Bologna Times Il New York Times - lo avrete visto - ha dedicato un pezzo bellissimo a Bologna: Italian Neighbors Build a Social Network, First Online, Then Off. L'idea della "social street" era piaciuta anche ag...
  • 29/03/2016 La bellezza della città da vivere a piedi e l’auto che si guida da sola Jane Jacobs ha scritto The Death and Life of Great American Cities nel 1961. In quel lavoro seminale ha osservato come la salvezza delle città dipenda dai pedoni: una città viva è una città con un'...
  • 13/09/2015 Il linguaggio dell’innovazione, a Camogli Danco Singer mi ha chiesto di parlare al Festival della Comunicazione di Camogli sul tema "linguaggio dell'innovazione". L'ho fatto ieri. Ed ecco alcuni appunti. L'innovazione non è una novità. ...
  • 21/01/2016 Se ci pensa il mercato siamo in buone mani? Ovviamente non siamo in buone mani se ci pensano i politici. Ma se ci pensa il mercato siamo a posto? Di che cosa stiamo parlando? Stiamo parlando della migliore allocazione delle risorse, delle sc...

1 Commento su “Finanza e qualità del lavoro. L’algoritmo del nuovo taylorismo

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>