Dalla scuola autoreferenziale all’educazione visionaria

Antoine Compagnon, storico della letteratura al Collège de France, ha dedicato uno dei suoi corsi all’anno 1966 (da ascoltare il podcast). E ha magistralmente mostrato come le riforme della scuola francese di quell’anno si confrontassero con il boom di iscritti e con la necessità di aumentare il numero di insegnanti: la scuola in quegli anni diventa una macchina che in prima istanza deve crescere e definisce i suoi programmi in modo da rispondere all’esigenza del momento. Il risultato è l’avvio di un processo che fa della scuola la riproduttrice di sé stessa. La conseguenza, si può sospettare, è alla lunga una scuola vagamente autoreferenziale.

Forse questa storia è adatta anche alla condizione italiana. Da anni, in effetti, si lavora a riformare la situazione. Ma forse il punto dal quale partire è proprio una lettura della contemporaneità alla quale si rivolge il servizio scolastico. L’autoreferenzialità si vince interpretando le esigenze attuali che la società trasformata esprime. E soprattutto quelle che non sa esprimere. La visione è il primo passo. L’esperienza il secondo. Un’organizzazione che in Italia riguarda circa 9 milioni di persone ogni giorno non può che essere al centro del rinnovamento del quale abbiamo bisogno.

Una quantità di insegnanti e di istituti stanno dandosi da fare in modo straordinariamente dedicato. Le famiglie sono ancora in gran parte profondamente coinvolte a supporto. Il governo tenta riforme. Ma a questo punto occorre uno scatto visionario. La scuola apre la strada al futuro, per definizione. E deve interpretare la prospettiva che si è aperta per la società italiana. Non c’è probabilmente responsabilità più grande per chi guida un paese.

Le grandi tendenze da contenere nella visione vanno dall’inclusione delle persone straniere – che costituiscono il fenomeno demografico più imponente del momento – all’aggiornamento della relazione tra l’educazione e il lavoro; dall’ammodernamento delle esperienze che gli studenti vivono a scuola alla qualità dei programmi; dalla presa di coscienza del nuovo contesto mediatico nel quale vivono i giovani al nuovo ruolo di guida che gli insegnanti sono chiamati a svolgere. Le strategie di memorizzazione e accesso alle informazioni sono cambiate, ma la leadership culturale degli educatori è una necessità ancora più forte.

Il tema è enorme e affasciante come pochi. E ovviamente non c’è post che possa affrontarlo in modo minimamente soddisfacente. Ma un convegno come quello di ieri a Genova, nell’ambito di Abcd, non poteva che lasciare tracce da, almeno, registrare.

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?