Dalla scuola autoreferenziale all’educazione visionaria

Antoine Compagnon, storico della letteratura al Collège de France, ha dedicato uno dei suoi corsi all’anno 1966 (da ascoltare il podcast). E ha magistralmente mostrato come le riforme della scuola francese di quell’anno si confrontassero con il boom di iscritti e con la necessità di aumentare il numero di insegnanti: la scuola in quegli anni diventa una macchina che in prima istanza deve crescere e definisce i suoi programmi in modo da rispondere all’esigenza del momento. Il risultato è l’avvio di un processo che fa della scuola la riproduttrice di sé stessa. La conseguenza, si può sospettare, è alla lunga una scuola vagamente autoreferenziale.

Forse questa storia è adatta anche alla condizione italiana. Da anni, in effetti, si lavora a riformare la situazione. Ma forse il punto dal quale partire è proprio una lettura della contemporaneità alla quale si rivolge il servizio scolastico. L’autoreferenzialità si vince interpretando le esigenze attuali che la società trasformata esprime. E soprattutto quelle che non sa esprimere. La visione è il primo passo. L’esperienza il secondo. Un’organizzazione che in Italia riguarda circa 9 milioni di persone ogni giorno non può che essere al centro del rinnovamento del quale abbiamo bisogno.

Una quantità di insegnanti e di istituti stanno dandosi da fare in modo straordinariamente dedicato. Le famiglie sono ancora in gran parte profondamente coinvolte a supporto. Il governo tenta riforme. Ma a questo punto occorre uno scatto visionario. La scuola apre la strada al futuro, per definizione. E deve interpretare la prospettiva che si è aperta per la società italiana. Non c’è probabilmente responsabilità più grande per chi guida un paese.

Le grandi tendenze da contenere nella visione vanno dall’inclusione delle persone straniere – che costituiscono il fenomeno demografico più imponente del momento – all’aggiornamento della relazione tra l’educazione e il lavoro; dall’ammodernamento delle esperienze che gli studenti vivono a scuola alla qualità dei programmi; dalla presa di coscienza del nuovo contesto mediatico nel quale vivono i giovani al nuovo ruolo di guida che gli insegnanti sono chiamati a svolgere. Le strategie di memorizzazione e accesso alle informazioni sono cambiate, ma la leadership culturale degli educatori è una necessità ancora più forte.

Il tema è enorme e affasciante come pochi. E ovviamente non c’è post che possa affrontarlo in modo minimamente soddisfacente. Ma un convegno come quello di ieri a Genova, nell’ambito di Abcd, non poteva che lasciare tracce da, almeno, registrare.

Articoli Correlati

  • 22/08/2013 Facebook mobile e la scuola in Italia Secondo i dati di Vincos, 10 milioni di italiani si collegano ogni giorno in mobilità a Facebook. Erano molti meno ad aprile. Più in generale, Vincos osserva una nuova accelerazione di Facebook in ...
  • 30/01/2013 Editoria scolastica, avanti senza fretta E dunque, grazie a Mante, si nota una mancata novità nell'editoria scolastica. Come richiesto con energia dall'Aie, non senza motivi rispettabili, ci sarà ancora tempo per riformare i testi scolast...
  • 08/05/2014 Chiose alla frontiera dell’istruzione informale Un precedente post dedicato alla progettazione dell'istruzione informale è stato commentato in modo profondamente istruttivo: grazie a Marco, Maurizio, Piero, Annamaria, Paolo, Alessandro. Ci torni...
  • 12/05/2014 Memo scuola Una serie di slide che riassume i temi della ricerca sulla scuola del futuro. Dalla preparazione a un futuro imprevedibile alla riconfigurazione del sistema educativo. Con una convinzione: prima la...
  • 11/04/2014 Educatori chiedono di essere educati Ricevo questo comunicato e lo condivido: Comunicato Stampa Scuola digitale, gli insegnanti chiedono più formazione Più formazione per l’uso delle ICT nel mondo della scuola. È la richiesta dei...
  • 13/02/2013 Istruzione: uno strano italico particolare della ricerca Talis sulle opinioni degli insegnanti L'Ocse porta avanti una survey sulla qualità dell'insegnamento e le sue conseguenze sullo sviluppo (Talis Oecd). Nella pubblicazione Education Today 2013, nella quale sono riportati anche alcuni ri...

2 Commenti su “Dalla scuola autoreferenziale all’educazione visionaria

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>