Riassumendo sull’Edicola Italiana

Non è che si sappia moltissimo dell’Edicola Italiana, la piattaforma che Sole 24 Ore (l’editore per il quale lavoro), Mondadori, Espresso, Rcs, hanno deciso di creare per vendere i giornali ai lettori italiani, indipendentemente dal device che usano e dai negozi americani che attualmente vanno per la maggiore nella distribuzione digitale (Apple, Google, Amazon, ecc). Ecco Repubblica, Punto Informatico e se ne parlava anche qui.

Strutturalmente si può immaginare che sarà organizzata in modo da abilitare chi usi iPhone, iPad, Kindle, Android, Microsoft/Nokia e altro a comprare i giornali. In questo senso è una novità positiva perché offre la possibilità di creare un’alternativa alle piattaforme integrate verticalmente delle compagnie americane. Non è chiarissimo come funzionerà dal punto di vista del prezzo che dovranno pagare i lettori anche se si può immaginare che sarà un po’ come la app del Kindle su iPhone e iPad: si compra e si paga via web e si usa via app… O webapp. Il prezzo sarà lo stesso o più basso? Per gli editori che non fanno parte della cordata la quota da pagare sarà il 30% di più o di meno? Ci saranno sfogliatori o anche giornali più evoluti sul piano della tecnologia (html5, ecc.)?

E’ chiaro che l’Edicola Italiana non vincerà, se vincerà, soltanto perché è italiana. Piuttosto, dovrebbe essere più completa, più comoda, più conveniente per lettori ed editori, di quanto non siano i vari AppStore attuali. E poi sarebbe un vantaggio se fosse orientata a favorire servizi integrati di archiviazione personalizzata, magari di condivisione, di flessibilità tecnologica… Un po’ di cloud, tanto per farsi delle idee immaginifiche. Un aggregatore per temi alla Flipboard sarebbe interessante, per combattere le rassegne stampa che non pagano quello che gli editori ritengono giusto, magari a un prezzo sensato per gli utenti… Insomma, di servizi in più se ne potrebbero inventare. Ma per ora, appunto, non si sa molto.

Comunque, le discussioni non mancano:
sul blog di Quintarelli
su Editoria Crossmediale
su iPadDevice
su Coltivatorediretto
Un post preventivo era qui.

Articoli Correlati

  • 03/01/2011 Momento di passaggio nell’editoria delle applicazioni Nel 2010, la Apple ha di fatto creato il mercato dei tablet. E, connettendo il concetto a quello dell'iPhone, ha rilanciato il mercato delle applicazioni. Concepite come software che girano su ogge...
  • 01/05/2012 Editori di libri, Amazon, Apple e una storia da scrivere La trama si infittisce. Nella città dei libri la tensione è alle stelle. I protagonisti leggono con attenzione le notizie. L'Antitrust americana ha preso di mira un accordo tra Apple e quattro edit...
  • 30/08/2011 Amazon Tablet v. iPad Un'analisi di Lauren Indvik si aggiunge ad altre che vedono nella prossima uscita di un tablet di Amazon il principale futuro competitor dell'iPad. Questa affermazione contiene due ipotesi: 1. farà...
  • 17/10/2011 Ipotesi sull’editoria: per guardare oltre Amazon Un pezzo di David Streitfeld, sul New York Times, segnala il panico che si sta diffondendo tra gli editori di libri americani per effetto dell'aggressiva politica di Amazon sui loro autori. Amazon ...
  • 28/09/2010 Il Blackberry porta Google su iPhone La competizione globale sui tablet potrebbe essere il motivo per cui anche Apple accetterebbe la app di Google che consente di fare telefonate in voip su iPhone e iPad. Blackberry e Android ce l'ha...
  • 05/07/2010 Tablet e libri: la velocità della lettura Jakob Nielsen, uno dei massimi esperti di usabilità, riporta i risultati di uno studio secondo il quale si leggerebbe più lentamente su iPad e Kindle di quanto non si legga sui libri di carta.Molti...

2 Commenti su “Riassumendo sull’Edicola Italiana

  1. Gentile dott. De Biase,
    in Etalia c’è tutto quello che lei auspica per l’Edicola Italiana e molto, davvero molto di più.
    E’ un progetto che ha alle spalle 4 anni di sviluppo riservato e sta coinvolgendo a vari livelli di sperimentazione tutti i principali editori italiani (e alcuni esteri).Sarà presentato al Festival di Perugia il 27 aprile alle 11.30.
    http://www.festivaldelgiornalismo.com/programme/2012/presentation-etalia
    E per esser concreti e andare alla radice del problema, cioè modelli efficienti di monetizzazione digitale dei contenuti
    http://www.festivaldelgiornalismo.com/programme/2012/the-economic-sustainability-of-digital-journalism-problems-and-prospects.
    Quando vuole saremmo felice di darle un’anteprima.
    Grazie

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>