On the roadmap

Quello che conta non è la meta, ma il percorso.

Jack Kerouac non è forse un eroe popolare tra i ragazzi del nuovo millennio, non tanto, almeno, quanto era un mito per i ragazzi della metà del secolo scorso. La libertà oggi non è più lo smontaggio dei vincoli convenzionali tradizionali. E letto oggi, il suo libro del 1951, On the road, non è più così comprensibile. Certo, il suo senso, quello per cui stare sulla strada è l’esperienza fondamentale, quello per cui la meta non è mai definibile e non è mai definitiva, rimane vivo.

Forse oggi la ricerca della libertà non è più soltanto la liberazione dai vincoli tradizionali e dalle narrazioni convenzionali (ce ne sarebbe bisogno vista la qualità della narrazione convenzionale televisiva); ma anche la liberazione dallo schiacciamento su un presente senza prospettive. Vorremmo, e i giovani vorrebbero, un pensiero capace di tenere insieme la sperimentazione e i risultati, la ricerca e la soddisfazione, la credibile storia da scrivere passo dopo passo. Non certo la definizione della meta, ma almeno la definizione della strada.

In questa epoca post-post-moderna (mi perdonino i filosofi veri), forse potremmo cercare risposte in un libro intitolato: On the roadmap.

Vedi anche:
Dalle macerie alla ricostruzione
Una roadmap per gli italiani

Articoli Correlati

  • 05/02/2010 Impariamo a giocare come i computer Garry Kasparov, campione di scacchi, racconta come vede cambiare il suo gioco dopo l'avvento dei computer. Ero con lui - insieme a molti altri - mentre a New York nel 1997 si batteva contro Deep Bl...
  • 02/04/2010 La complessità abbattuta dalla semplicità Clay Shirky propone una visione della transizione nel sistema dei media. La fine dei sistemi complessi del passato prelude all'avvento di nuovi, futuri sistemi complessi. Ma la transizione avviene ...
  • 11/10/2010 Qualità, quale qualità… Non è relativismo assoluto. E' la globalizzazione che mette in dubbio il senso e soprattutto l'applicazione del concetto di "qualità".E' una domanda centrale. Abbiamo superato la fase storica della...
  • 25/03/2009 Il ciclo dell’immigrazione Uno studio di Harvard mostra le dinamiche demografiche dei grandi spostamenti della popolazione mondiale. E' centrato sull'immigrazione negli Stati Uniti, ma mostra tendenze che possono essere impo...
  • 30/08/2011 Sinan Aral: intelligenza collettiva, contagio, correlazione, causa Vedo questo video dell'anno scorso, nel quale Sinan Aral parla di causa e contagio, uno dei suoi percorsi di ricerca, a PopTech. Sono sei minuti, ma passano in fretta, no? Sembra che almeno l'80% ...
  • 14/05/2009 Cervelli unici Il lavoro di John Medina sul cervello è scritto in un modo tanto pratico che potrebbe risultare superficiale al sofisticato pensatore europeo. Ma un passaggio mi pare da sottolineare. Dove dice che...

2 Commenti su “On the roadmap

  1. Lo scriva, dott. De Biase. Road + map, ovvero, la strada (che si vorrebbe diritta ma non lo è mai, per la rettificazione che contraddistingue il pensiero occidentale) e la mappa (culturale, che de-finisce, sempre)…ci pensi. Imho

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>