Home » News

News

libri News partecipazione

Homo pluralis, oggi a Pisa

Grazie per questa bellissima riunione di oggi! Alle 17:00, oggi alla libreria Blu Book, via Toselli 23, Pisa: Homo pluralis con Emanuele Baldacci, Adriano Fabris, Alberto Di Minin, Dino Pedreschi.  Scrivono gli organizzatori: Venerdì 10 aprile, alle ore 17, alla libreria Blu Book di Pisa, in via Toselli 23, il giornalista e scrittore Luca De Biase presenterà il suo libro “Homo pluralis. Essere umani nell’era tecnologica”. Ne discuteranno con lui il filosofo Adriano Fabris e l’informatico Dino Pedreschi, entrambi docenti dell’Università di Pisa, Alberto Di Minin, professore di Management della...

innovazione News

Cimbali e Minerva Omega nell’IoT con Stm e Microsoft

Che gli italiani siano utilizzatori scarsi di tecnologie digitali è un pregiudizio troppo spesso fondato. Ma che non siano fortissimi nella produzione di innovazione digitale è una pericolosa realtà che non manca di importantissime eccezioni. Per mantenere il giudizio lucido bisogna seguire le notizie oltre il polverone e riconoscere i nostri bravi. Questo comunicato mi pare da segnalare perché parla di un’interpretazione attiva della tecnologia che ha origine e sviluppo in Italia, alimenta aziende esportatrici e anche se si avvale inevitabilmente di software americano.   Microsoft ed...

informazione News

NetConsulting e Sirmi insieme

Due storie lunghe come quelle di Giancarlo Capitani e Maurizio Cuzari si uniscono: NetConsulting e Sirmi mandano un comunicato stampa che ripropongo qui. Net Consulting e SIRMI annunciano la loro unione Milano, 7 aprile 2015 Le due società, player storiche delle ricerche di mercato e della consulenza di marketing in area ICT, hanno vissuto per decenni in un clima di competizione elegante ed amichevole. La coscienza di essere fortemente complementari e sinergiche, le porta oggi a rafforzare la presenza sul mercato ed a razionalizzare l’offerta attraverso un processo di integrazione di...

innovazione News persone

Village: Mancuso, Broggi, Finocchiaro e Trombetta Panigadi

Notizie dal villaggio dell’innovazione, ricevute e volentieri rilanciate Stefano Mancuso Il progetto Jellyfish Barge coordinato dal neurobiologo vegetale Stefano Mancuso è fra i 5 finalisti del premio Ideas for Change Award che l’UNECE (Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite) ha indetto in occasione di 2015-Anno dello Sviluppo Sostenibile. Il vincitore sarà decretato il 14 aprile al Palais des Nations di Ginevra dai delegati di 56 Paesi membri e da una giuria di esperti internazionali. Il Jellyfish Barge è una serra galleggiante che utilizzando i mari come un luogo di...

innovazione News

Promemoria per Agid? Gartner: from “Legacy First” to “Digital First”

Mi pare che questa comunicazione di Gartner sia un buon promemoria per le prossime fasi di lavoro dell’Agid: Gartner Says Government CIOs Must Flip from “Legacy First” to “Digital First”. “By shifting the management and provisioning of infrastructure to centralized government shared-service entities or to viable commercial vendors, government CIOs can lead by example and update IT management techniques to adopt the design-for-change mindset that is essential in the digital age,” said Mr Howard. “In relatively short time, cloud has moved from a...

News partecipazione perplessità

Non parliamo abbastanza della Transatlantic Trade and Investment Partnership

Un video da rivedere. Il premio Nobel per l’economia Joseph Stiglitz, ospite del Parlamento italiano nel 24 settembre 2014, ragiona sul TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership). Ed è profondamente critico su come viene interpretato da una parte degli americani. Sarà bene che gli europei ci pensino. Stiglitz dice che gli americani vogliono chiedere protezione per i loro futuri investimenti in Europa dalle regole che gli europei possono introdurre – o hanno già introdotto – e che li penalizzano. Mi pare che non ci si rifletta abbastanza pubblicamente: quindi anche se il...

Attenzione media informazione libri media News

Architettura dell’informazione: Elizabeth Buie sul WIAD

Elizabeth Buie, autorità internazionale dell’architettura dell’informazione, ha fatto esperienze importantissime sull’innovazione dell’interfaccia dei sistemi pubblici a favore dei cittadini. Sottolinea come una interfaccia sensata favorisca i cittadini sia perché li facilita nell’interazione con gli uffici pubblici e il resto, sia perché motiva i funzionari pubblici a lavorare meglio. In fondo aggiunge senso a tutto. Elizabeth ha raccolto le sue considerazioni sulla giornata dedicata all’architettura dell’informazione in un post sul suo blog: World Information Architecture Day 2015 – Bologna...

News perplessità

Poggiani e poi

Alessandra Poggiani si dimette dall’Agid e si candida in Veneto. Le motivazioni personali non si discutono. Le spiegazioni pubbliche si accavallano. E contraddicono. «Ho ritenuto che la parte più importante del mio lavoro sia stata portata a termine con il varo del piano Crescita Digitale e della strategia per la Banda ultralarga» (Corriere Comunicazioni) Altrove dice: «Non posso cambiare le cose da sola, senza squadra. Ed è difficilissimo farlo se il digitale è ancora ritenuto una questione tecnica e non una priorità, trasversale a tutto il resto» (Wired). Poggiani ha fatto sapere...

Attenzione media media News

Facebook come piattaforma editoriale, dice New York Times

Un articolo sul New York Times, dice che il New York Times sta studiando una versione del giornale da pubblicare in un nuovo servizio editoriale di Facebook, ma non può citare le fonti perché hanno parlato anonimamente in quanto sottoposte a un non disclosure agreement (NyTimes). La decisione è controversa. Il Guardian sostiene che gli editori di giornali dovrebbero accordarsi prima di andare su Facebook per garantirsi le migliori condizioni. Tutti sono piuttosto preoccupati per il controllo dei dati, della relazione con i lettori e gli inserzionisti, i formati pubblicitari e i modelli di...

media News

Se un testo è scritto da un robot, chi è l’autore?

Un bel pezzo di Shelley Podolny sul NyTimes sui testi, gli articoli, persino i libri scritti da intelligenze artificiali, conduce alla domanda (vedi Nexa): se un testo è opera di un robot di chi è il copyright? (NyTimes) Le ipotesi: 1. il copyright è di chi possiede il robot 2. il copyright è di chi ha fatto e venduto o noleggiato il robot 3. il copyright è di chi ha scritto le cose che il robot ha assemblato 4. il copyright non c’è e il testo è di pubblico dominio Non mancano altre ipotesi. Sono peraltro certo che le risposte preferite sarebbero diverse se la domanda fosse stata: “se...

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video

Post più letti

Post più condivisi