Home » media » Lo strano caso Sheryl Sandberg
media News perplessità

Lo strano caso Sheryl Sandberg

A quanto pare, scrive il Guardian, Facebook ha usato il femminismo di Sheryl Sandberg per trovare una complicità con alcune rappresentanti poliche europee e ammorbidire le loro posizioni fortemente critiche sulle politiche “distratte” intorno ai diritti umani e alla privacy del social network americano (Guardian).

Qualche giorno prima un comitato parlamentare britannico aveva definito le politiche di Facebook in modo piuttosto sbrigativo, dopo averle studiate per 18 mesi. I termini usati in quell’occasione definiscono le strategie di Facebook con parole tanto dure che è meglio leggerle sul rapporto originale (Guardian).

Di certo c’è un fatto. Mark Zuckerberg nel 2010 aveva esplicitamente dichiarato che per lui la privacy è un problema vecchio e superato (Guardian). Solo recentemente aveva affermato di volerla rispettare. La sua azienda è stata costruita con i valori originari del capo. E a quanto pare solo recentemente cerca di correggerli.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video

Post più condivisi