Home » innovazione » Che cosa potrebbe essere internet se fosse disegnato diversamente?
innovazione libri Post

Che cosa potrebbe essere internet se fosse disegnato diversamente?

È una bella domanda: che cosa potrebbe essere internet se fosse disegnato diversamente? Si può ancora disegnare diversamente? E in che senso? Per esempio: come sarebbe se invece di pagare a giga scaricati o a tempo di connessione si pagasse un ammontare minimo per ogni sito – o per ogni pagina – che si visita? O per ogni click… E se poi fossero i siti e le app a pagare indietro alle telco e agli altri provider di infrastruttura?

Il design non si ferma. E immaginare è una libera attività. Niente di tutto questo è una proposta. Ma una pura speculazione. Contenuta in un bell’articolo di Marta Figlerowicz: Counter-Histories of the Internet. L’articolo commenta due libri: David Clark, “Designing an Internet”, e Joy Lisi Rankin, “A People’s History of Computing in the United States”.

La bellezza di internet è che non cessa di spingere verso l’esplorazione di nuove possibilità.

Fermarsi al modo in cui è organizzata oggi è un tradimento. Finora la monocoltura a base di pubblicità e finanza ha condizionato in modo esagerato lo sviluppo delle sue principali piattaforme. Non ma non deve necessariamente essere così. Una civiltà europea del rispetto dei diritti della persona, delle conoscenze di qualità, della libertà di circolazione dei dati e dei servizi potrebbe generare un nuovo design dell’internet. Probabilmente, non nel senso suggerito nelle prime righe. Più probabilmente nel senso suggerito dall’articolo 20 del GDPR: tutti hanno il diritto alla portabilità dei dati. Cioè le piattaforme devono essere interoperabili. Sulla base del fatto che i dati sono delle persone. Uno standard per scaricare i dati registrati dalle piattaforme esistenti e la costruzione di nuove piattaforme per usarli in modi innovativi sono passaggi chiave: possono essere sostenuti dall’Europa che ha scelto i principi giusti e ora deve anche aiutare gli europei a comprenderli e praticarli meglio. Imho.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video