Home » ricerche » Edelman. Poca fiducia nei media professionali, ancora meno nei media sociali
libri Post ricerche

Edelman. Poca fiducia nei media professionali, ancora meno nei media sociali

Il Trust barometer di Edelman mostra che solo il 47% degli abitanti dei 26 grandi paesi considerati dalla ricerca – compresa l’Italia – ha fiducia nei media professionali (è la stessa percentuale di quelli che hanno fiducia nei governi). Ma l’impegno nell’accedere ai giornali professionali è aumentato del 22% nell’ultimo anno in termini di numero di esposizione alle news e di azioni di condivisione operate di conseguenza. Mentre i social media perdono credibilità: in particolare in Europa e Nord America dove l’indice di fiducia è poco sopra la metà del livello raggiunto dai media professionali come fonte di notizie. La paura delle fake news utilizzate come arma politica è presente nel 73% della popolazione. (La ricerca ha preso in considerazione 33mila persone intervistate via mail in 27 paesi). Le persone più istruite e ricche hanno maggiore fiducia nei giornali e nelle news professionali di quanto non succeda all’insieme della popolazione.

La fiducia consente di considerare senza troppa ansia ciò che non conosciamo (“Trust is a confident relationship with the unknown,” dice Rachel Botsman autrice di “Who can you trust?“). In effetti, sui social network ci si trova spesso a rifugiarsi nei territori conosciuti: le famose echo-chamber popolate di persone che la pensano alla stessa maniera e non cessano di scambiarsi opinioni omogenee e dunque rassicuranti. Mentre in teoria sono proprio i sistemi di informazione professionali che aprono meglio all’esplorazione dello spazio sconosciuto, aiutano a sapere ciò che non si sapeva di voler sapere. E lo fanno perché non hanno un algoritmo, hanno un metodo di ricerca.

La fiducia non è il frutto della pura e semplice trasparenza ma della condivisione specifica di un metodo di ricerca che abbia caratteristiche fondamentali simili a quelle del metodo scientifico, che venga portato avanti con continuità e soprattutto che sia connesso alle dinamiche che consentono alle persone di migliorare le proprie possibilità di riuscita nella realizzazione dei loro progetti.

La sfiducia nei governi e nei media professionali è legata anche al blocco dell’ascensore sociale. Di conseguenza la conquista della fiducia è probabilmente legata alle modalità con le quali le istituzioni che la cercano riescono a dimostrare di contribuire a riattivare l’ascensore sociale. Non basta l’immagine su questo: occorre la sostanza. A meno di non cercare una credibilità che dura poco.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video