Home » media » È possibile la neutralità delle piattaforme?
Approfondimenti media Neutralità partecipazione ricerche

È possibile la neutralità delle piattaforme?

Uno studio del Conseil National du Numerique analizza la possibilità di introdurre il concetto della neutralità nell’ambito delle piattaforme, come Apple, YouTube, Facebook e così via. Altri potrebbero chiedere una interoperabilità delle piattaforme, in modo che non siano mondi a parte. Ma nella neutralità, il Conseil vede qualcosa di più, in termini per esempio di accesso ai dati.

Le piattaforme hanno una posizione molto favorevole in un mercato a tre dimensioni:
1. offerta di servizi gratuiti agli utenti che in in cambio cedono dati su loro stessi
2. offerta di servizi per la pubblicità alle aziende che hanno messaggi pubblicitari da inviare agli utenti
3. offerta di una base di utenti ad aziende terze che producono software da vendere agli utenti stessi (le piattaforme trattengono una percentuale del business)

Nella prima dimensione, le piattaforme sembrano delle utility o produttori di software. Nella seconda sembrano editori. Nella terza sembrano negozi online. Se arrivano a conquistare una grande base di utenti con servizi di elevata utilità a prezzi bassi o nulli, giocando sull’esclusività tecnologica, le piattaforme si costruiscono posizioni dominanti nei mercati editoriali e commerciali. E poiché le tecnologie di rete hanno la tendenza a crescere geometricamente di valore con il numero di utenti (per la cosiddetta “legge di metcalfe”), questa posizione dominante diventa dirompente sui mercati adiacenti. Il punto di domanda in quel caso diventa: queste piattaforme vanno regolamentate? E se sì, devono essere regolamentate in base alla loro funzione di “utility”? Oppure devono sottostare a qualche forma di antitrust innovativo? Seguendo l’idea del Conseil si direbbe di sì: devono essere interoperabili, o addirittura neutrali.

Alexandre Bénétreau, Edri, che riassume il rapporto del Conseil, aggiunge peraltro una critica, individuando una sorta di contraddizione francese:

The approach of the French government has its own hypocritical storytelling. The Council of the European Union (EU member state governments) is currently negotiating on the “telecoms single market regulation”, which includes provisions on net neutrality. The French government is taking the position that net neutrality and platform neutrality should be regulated at the same time. The most likely outcome of this approach is to kill the possibility of the EU regulating in favour of net neutrality. If the French government is successful, there will be little or no possibility of the European Commission legislating on either net- or platform neutrality in the foreseeable future.

Probabilmente l’obiettivo dell’interoperabilità è il più coerente per cominciare a porre il tema e a sviluppare una cultura in materia. Si tratta per esempio di aprire alla concorrenza tra “negozi” diversi il sistema di vendita di servizi e applicazioni che è stato sviluppato sulle piattaforme (cloud, device, software). In ogni caso, sarebbe meglio evitare che un concetto di neutralità applicato alle piattaforme renda meno comprensibile la necessità di mantenere neutrale la “piattaforma delle piattaforme”: cioè internet. L’interoperabilità potrebbe essere sufficiente, almeno per cominciare, perché imporrebbe alle piattaforme dominanti di aprire ponti verso le piattaforme emergenti o concorrenti.

Alla base, la neutralità della rete è necessaria per consentire alle piattaforme nascenti di proporre la loro innovazione senza chiedere il permesso agli operatori dell’accesso a internet. Quando sono cresciute un po’, avrebbero bisogno dell’interoperabilità con le piattaforme esistenti e già affermate per potere offrire i loro servizi agli utenti. Neutralità della rete e interoperabilità delle piattaforme, in questo senso, si saldano in una visione aperta di internet.

Vedi anche:
Dibattito editori, autori, Amazon
Anche qui

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video