Home » visioni » Kurt Vonnegut: otto suggerimenti per scrivere una grande storia
visioni

Kurt Vonnegut: otto suggerimenti per scrivere una grande storia

Kurt Vonnegut ha regalato qualche giorno fa ai lettori dell’Atlantic otto suggerimenti per scrivere una grande storia. I primi, non sorprendenti, dimostrano probabilmente che il percorso di una storia allude a qualcosa di archetipico, o almeno profondamente radicato nella nostra cultura. Quelli conclusivi invece appaiono forse più inconsueti e soggettivi:

1. Use the time of a total stranger in such a way that he or she will not feel the time was wasted.
2. Give the reader at least one character he or she can root for.
3. Every character should want something, even if it is only a glass of water.
4. Every sentence must do one of two things—reveal character or advance the action.
5. Start as close to the end as possible.
6. Be a Sadist. No matter how sweet and innocent your leading characters, make awful things happen to them—in order that the reader may see what they are made of.
7. Write to please just one person. If you open a window and make love to the world, so to speak, your story will get pneumonia.
8. Give your readers as much information as possible as soon as possible. To hell with suspense. Readers should have such complete understanding of what is going on, where and why, that they could finish the story themselves, should cockroaches eat the last few pages.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

  • E’ vero, i primi sembrano addirittura scontati, gli ultimi invece vanno contro il “senso comune” di gran parte degli scrittori.
    Attenzione però: Vonnegut non può aver regalato questi consigli qualche giorno fa, essendo defunto nel 2007.

  • Certamente Luca De Biase lo sa, ma forse non tutti i suoi lettori. Il grande Kurt Vonnegut è morto il 10 aprile 2007 e quindi questo bel regalo ce lo fa attraverso il lavoro di Maria Popova di http://www.brainpickings.org/, un sito che vi consiglio di visitare spesso. Maria Popova si è inventata il lavoro di “curator”, che non è quello di editor, ma piuttosto quello di selezionatore e confezionatore di informazioni interessanti dall’universo culturale (non so come esprimermi altrimenti).

  • esatto! Maria Popova è la “medium” che ci ha riportato all’attenzione qualche giorno fa il testo di Vonnegut: grazie Boris e Marco

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video