Home » innovazione » A proposito di libri di scuola
innovazione

A proposito di libri di scuola

Le tecnologie digitali a scuola sono adottate con tempi più lunghi e percorsi meno lineari di quanto servirebbe, a giudicare dai commenti al post precedente. E in effetti tutta la vicenda del cosiddetto elearning è stata una serie di false partenze.

Il problema è probabilmente di approccio: non partire dalle tecnologie ma dall’intelligenza della relazione tra la cultura dell’educazione e la società che ha bisogno di educazione. Di certo, in un contesto di crisi di ogni autorità tradizionale, nel quale le forme di apprendimento informale si moltiplicano e spiazzano le forme di apprendimento formale, la ricerca va indirizzata nella ricostruzione di una relazione di fiducia e rispetto, condita dell’abilità di interessare a ciò che è importante, alla qualità, alla corrispondenza tra apprendimento e qualità della vita.

I nuovi strumenti peraltro si moltiplicano anche grazie alla capacità di sperimentazione degli insegnanti di buona volontà. Un ennesimo esempio è stato realizzato da un professore dell’università del Michigan che ha creato un’app per trasformare l’iPad in una tavoletta sulla quale gli studenti possono condividere appunti alle slide e altri materiali mostrati a lezione direttamente sul tablet. (Wiredcampus). È un terreno di innovazione da esplorare. Per il quale non si vede perché non possano trovare successo anche soluzioni italiane che nel frattempo si stanno provando.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video