Home » perplessità » Soap policy
perplessità

Soap policy

Anche al New York Times si sono accorti che la vicenda Lario-Berlusconi-Elezioni è una soap opera. Il pezzo è una lettura godibilissima che dimostra ancora una volta la grande sintesi secondo la quale “in Italia la situazione è tragica ma non è seria”.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

  • Con un pizzico di comico, il cui confine col ridicolo è dura da decifrare. Non del NYT ma nel nostro parterre. Una considerazione: “tra moglie e marito non si mette dito” a casa propria è vera, fuori dal recinto è la giusta nemesi sia per la sinistra che per certo people journalism. Quando Diana Spenser era la principessa del mass media questi affarucci erano impostati con dovizia. L’opposizione non sa fare altro che infieriere allo spot politico. La malattia della sinistra si chiama timidezza. Avrebbero potuto chiudere il cerchio semplicemente dicendo che era una buffonata all’italiana, ovvero tutto preparato a tavolino. Vero o falso che sia, meglio fare dietrologia sensata che timidezza da benpensanti.

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video