Home » media » “Il teatrino della politica”
media

“Il teatrino della politica”

Dice Baricco: il teatro pagato con soldi pubblici non raggiunge gli obiettivi per i quali era stato pensato (accesso alla cultura, salvaguardia del patrimonio culturale, democrazia). E quindi? Dice di spostare investimenti sulla scuola: può essere sensato se si pensa a progetti eccellenti. Ma dice, in aggiunta, che si possono spostare investimenti sulla televisione… Su questo non sono d’accordo. Il servizio pubblico è già finanziato, può già fare una politica culturale.

Cambiare il modello può essere necessario: ma solo se lo si fa con una buona dose di pensiero. Non privatizzando come viene. Lasciare i teatri pubblici ai privati può andar bene, se i privati si obbligano a fare teatro per il pubblico e non pubblicità. Se rischiano e fanno cultura ben venga. Se fanno solo eventi pseudo-televisivi in teatro, con spot tra un atto e l’altro, direi che si perde valore culturale.

E infine: le comunità possono esprimersi anche attraverso modelli cooperativi e solidaristici. Perché escludere – come sembra pensare Baricco – le fondazioni, le cooperative, il non profit dal ragionamento? Non siamo più in un’epoca in cui c’è solo l’alternativa tra stato e mercato. (E meno male visto che entrambi non cessano di dare pessima prova di sè…)

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video