Specializzazione o diversità nello sviluppo della città?

Ritrovando una ricerca del 1997 sulle specializzazioni o le diversità delle economie cittadine, ripartono vecchi e nuovi dibattiti. Perché a prima vista la specializzazione è richiesta da diverse policy europee. Ma la diversità è potenzialmente più adatta a generare innovazione. Ma rileggiamo questo paper: Innovation in cities: Science-based diversity, specialization and localized competition, di Maryann P. Feldman e David B. Audretsch.

Whether diversity or specialization of economic activity better promotes technological change and subsequent economic growth has been the subject of a heated debate in the economics literature. The purpose of this paper is to consider the effect of the composition of economic activity on innovation. We test whether the specialization of economic activity within a narrow concentrated set of economic activities is more conducive to knowledge spillovers or if diversity, by bringing together complementary activities, better promotes innovation. The evidence provides considerable support for the diversity thesis but little support for the specialization thesis.

Articoli Correlati

  • 27/02/2015 La Napoli sotterranea dell’innovazione può emergere La serietà di livello internazionale dell’innovazione che si fa all’Stm di Arzano, la forza d’attrazione della Città della Scienza di Bagnoli, la qualità connettiva del programma Neapolis innovatio...
  • 05/03/2016 Paolo Cellini: Internet economics Il testo di Paolo Cellini sull'economia di internet arriva in edizione inglese: Internet economics con una prefazione di Vint Cerf. Dice Cerf: «Paolo Cellini's book provides us with a fascinating v...
  • 09/12/2016 Ripensando all’internet come architettura distribuita La centralizzazione della maggior parte del traffico in rete e delle risorse realizzata dal successo delle piattaforme private del nuovo millennio e delle operazioni dei servizi segreti pubblic...
  • 17/09/2016 Rapporto Stanford 2016. Cento anni di intelligenza artificiale Un rapporto sulla storia e le prospettive dell'intelligenza artificiale è stato realizzato da Stanford e pubblicato liberamente in rete. Ricostruisce l'evoluzione complicata e non certo lineare del...
  • 05/02/2016 Harvard: le aziende dovranno assumere più umanisti L'idea è chiara: i computer sono destinati a sostituire molte operazioni tecniche e anche diverse attività di produzione di tecnologia. Quali capacità umane serviranno? Creatività, empatia, ascolto...
  • 14/02/2017 Pellegrino e Zingales sulle cause della paralisi italiana E' un paper del 2014. Più che a una sintomatica quanto precisa idea di paralisi, gli economisti Bruno Pellegrino, dell'università di Los Angeles, e Luigi Zingales passato a Harvard, si riferiscono ...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>