Raccolta dati per Big Data, Miur

Il Miur ha messo insieme un piccolo gruppo di lavoro (al quale dò una mano) per compilare un rapporto sui Big Data allo scopo di studiare i possibili miglioramenti nella formazione in materia ed eventualmente nell’uso dei dati per l’organizzazione della scuola. A questo scopo, sta raccogliendo autosegnalazioni dai centri di ricerca che si occupano del tema. Ecco il comunicato:

Big data, auto-segnalazione dai centri di formazione e ricerca
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Roma, 26 febbraio 2016

Big data, richiesta di auto-segnalazione per i centri che si occupano di formazione e ricerca

L’evoluzione delle tecnologie informatiche, della sensoristica e l’espansione delle rete di dati hanno portato all’accumulazione di una straordinaria quantità di dati che ormai approssima la decina di zettabyte su supporti e di natura e formato molto diversi, provenienti da uno spettro amplissimo di ambiti. Si parla oggi di big data intendendo appunto queste masse di dati, la cui analisi richiede strumenti informatici innovativi e che promettono di fornire informazioni nuove e di grande rilievo nei più diversi settori.

Il MIUR ha costituto un Gruppo di lavoro per avviare una riflessione condivisa sui big data, sulle possibilità di valorizzarli a sostegno delle decisioni di sistema, sull’offerta formativa a disposizione nel Paese, sulle potenziali traiettorie di sviluppo per i prossimi anni e su come l’Italia potrebbe intercettarle, in linea con i migliori orientamenti degli altri paesi. Uno degli obiettivi del Gruppo è la mappatura dei centri (universitari e non) che operano nel settore dei big data con riferimento alla formazione, ricerca e costruzione di competenze.

Il Gruppo di lavoro invita tutti i soggetti attivi nel campo dei big data attraverso programmi di formazione, valorizzazione o ricerca a segnalare tali iniziative all’indirizzo bigdata@miur.it , fornendo i link ai siti dove tali iniziative sono illustrate.

  • 28/12/2015 Bocconi. Studenti e digitale Il Centro Ask dell’Università Bocconi e Pearson hanno realizzato uno studio sul rapporto degli studenti (11-19 anni) con le nuove tecnologie digitali rispetto alle attività di studio, tanto a scuol...
  • 20/06/2015 FARE: materiale didattico aperto e libero dal Politecnico di Torino FARE è un nuovo portale per la distribuzione di materiale didattico e scientifico in formato aperto e creative commons sviluppato al Politecnico di Torino. Tra l'altro c'è anche una soluzione per v...
  • 08/05/2014 Chiose alla frontiera dell’istruzione informale Un precedente post dedicato alla progettazione dell'istruzione informale è stato commentato in modo profondamente istruttivo: grazie a Marco, Maurizio, Piero, Annamaria, Paolo, Alessandro. Ci torni...
  • 21/03/2015 La bella scuola A Rinascimente si espone la "bella scuola" che coinvolge la mente, il corpo e il cuore nell'educazione. Commovente esordio con musica e acrobazie tenerissime dei bambini. E prosecuzione con i valor...
  • 13/02/2013 Istruzione: uno strano italico particolare della ricerca Talis sulle opinioni degli insegnanti L'Ocse porta avanti una survey sulla qualità dell'insegnamento e le sue conseguenze sullo sviluppo (Talis Oecd). Nella pubblicazione Education Today 2013, nella quale sono riportati anche alcuni ri...
  • 30/01/2013 Editoria scolastica, avanti senza fretta E dunque, grazie a Mante, si nota una mancata novità nell'editoria scolastica. Come richiesto con energia dall'Aie, non senza motivi rispettabili, ci sarà ancora tempo per riformare i testi scolast...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *