È il giorno di iCloud. Una sfida alla consapevolezza

Una massiccia e storica evoluzione si sta compiendo oggi con l’arrivo di iCloud. Nel mondo Apple questo significa che il centro passa dai singoli apparecchi alla farm di server centrali gestiti remotamente dalla casa di Cupertino. Si espande la memoria e si dissolve nella nuvola.

Il passaggio è enorme e difficile, come documentano le difficoltà segnalate da Tuaw.

Molti gradiranno la sincronizzazione facilitata di tutta la memoria dei vari apparecchi. Specialmente gli iPhone e gli iPad ci guadagnano enormemente. I Mac si adattano al nuovo ruolo. Ma mantengono i gradi di libertà in più che i sistemi operativi mobili non hanno.

In questo passaggio noi utenti possiamo seguire l’onda o pensare in modo consapevole.

Per essere consapevoli, dobbiamo ricordare che:
1. nell’internet mobile non c’è network neutrality, nell’internet fissa c’è
2. i sistemi operativi mobili hanno capacità orientate alla fruizione più che alla creazione, mentre i sistemi operativi dei computer sono ancora orientati più alla creazione che alla fruizione
3. la memoria personale che sta sul computer è un valore non paragonabile alla memoria spersonalizzata che sta nella nuvola

Per essere pragmatici possiamo pensare che:
1. quello che è comodo è comodo e va usato, come la sincronizzazione remota di ogni oggetto che contenga cose “pubblicabili”
2. quello che è riservato è riservato e va tenuto sulla propria memoria “personal”
3. mantenere e coltivare la conoscenza di come funzionano le cose che usiamo ci salva dalla dipendenza da quelle cose e dalle aziende che le producono

La registrazione dei fatti della vita quotidiana va nella nuvola. Gli strumenti che servono ai nostri atti creativi e liberi non sono tutti nella nuvola.

Oggi acquistiamo una libertà in più. Ma solo se non dimentichiamo la libertà che ci conquistiamo da soli.

Articoli Correlati

  • 19/10/2010 Il nome della Mela Apple ha venduto più iPad che Macintosh nel suo quarto trimestre. Il comunicato stampa riporta questi dati di vendita: 3,89 milioni di computer Mac (una crescita in unità del 27 percento rispetto a...
  • 14/06/2011 Cloud computing: nembi, cumuli e strati Apple interpreta il cloud computing come un insieme di servizi che si usano con i suoi terminali (iPhone, iPad, Mac, iPodTouch) e le applicazioni. Google interpreta il cloud computing come un insie...
  • 29/02/2012 Windows 8 – la tensione è mobile A quanto pare la tensione innovativa per i grandi produttori viene dall'internet mobile e ha conseguenze sull'internet fissa. I numeri e la crescita sono dalla parte del mobile, ovviamente (Apple h...
  • 08/02/2010 iPad: deprezzamento preventivo Dicono al Wsj che la Apple sta già prendendo in considerazione l'ipotesi di abbassare ulteriormente i già contenuti prezzi dell'iPad se, quando sarà lanciato, non sembrerà convincere i consumatori....
  • 29/07/2016 Giganti sulle spalle di giganti. Google, Apple, Amazon A quanto pare l'aumento di fatturato e utili di Facebook è stato generato soprattutto nella navigazione in mobilità (blog). Lo stesso appare dai dati di Google-Alphabet: fatturato 21,50 miliardi e ...
  • 09/06/2010 Le critiche a Steve Jobs Non passa giorno che qualcuno non lamenti lo strapotere della Apple. Perché impone regole assurdamente unilaterali agli sviluppatori di apps. Perché vuole togliere di mezzo Flash. Perché si dimostr...

6 Commenti su “È il giorno di iCloud. Una sfida alla consapevolezza

  1. Una chiosa perfetta per un quadro equilibrato e completo nella sua chiarezza e semplicità. Complimenti! ( per completezza però non ho capito solo quella della network neutrality)

  2. Quoto, quoto quoto!
    Luca però in che senso dici che:
    nell’internet mobile non c’è network neutrality, nell’internet fissa c’è.
    Vorrei capire anche io :-)

  3. se un operatore mobile vuole che certi pacchetti non viaggino sulla sua rete lo puó impedire.. se vuole rallentare certi pacchetti lo può fare.. se non vuole skype, skype non c’è.. e così via.. anche google è stata d’accordo in america per stralciare il mobile dalla regola generale della netneutrality sull’internet mobile.. e apple o blackberry, lungi dal difenderla hanno fatto piataforme esclusive senza grandi problemi (tema diverso ma collegato).. imho..

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>