21 minuti

Dando un’occhiata al bel sito di 21 minuti, si incrocia la frase di Andeisha Farid: “sentire il mondo come la propria patria”.

E si pensa a tutte le nuove patrie che il localismo esagerato sta generando dallo spezzettamento di vecchi imperi, di vecchi stati nazionali, di vecchie aggregazioni politiche artificiali. Ma che lascia spazio a nuovi rancori. Come se l’identità non potesse essere che differenza rispetto all’altro.

L’identità è continuità dell’essere se stessi, dice lo psicanalista junghiano Luigi Zaja.

Il cosmopolitismo è sentirsi a casa dovunque, senza perdere la propria identità.

Comments

One Comment so far. Leave a comment below.
  1. Se non l’avete già fatto, consiglierei a questo proposito l’ultimo libro di Carmine Abate “Vivere per addizione”…l’autore, arberesche di Calabria, emigrato prima in Germania poi in Trentino, racconta e si racconta…

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?