Home » informazione » Notizie cattive
informazione

Notizie cattive

Ricapitoliamo. Come sappiamo Freedom House dice che i giornalisti sono sempre meno liberi nel mondo in generale e in particolare in Italia, Israele e Hong Kong. Dice che internet è la sola speranza di apertura per la libertà di stampa. E che i governi si stanno attrezzando per comprimerla. La metodologia di Freedom House è credibile e articolata. Non abbiamo la possibilità di controllare tutto quello che loro hanno valutato, ma la sostanza è abbastanza chiara.

Warren Buffett dice che i giornali continueranno ad attraversare un periodo di crisi e di perdite economiche, negli Stati Uniti, e che quindi non intende investire in questo settore. Tra le cause cita internet: un tempo i giornali erano essenziali, oggi ci sono alternative che il pubblico ritiene valide.
Nel film State of play il protagonista è un giornalista da carta stampata e la co-protagonista una blogger di un giornale. Sulle prime, si direbbe che il giornale di carta sia considerato più serio e che il blog sia il posto dei pettegolezzi. L’approccio metodologico del vecchio giornalista della carta stampata è orientato a trovare i fatti e a provarli, quello della blogger a cercare indiscrezioni e impressioni sulle persone. Alla fine è solo dalla collaborazione tra il primo e il secondo che si trova la verità. (In realtà, il racconto sul finale è un po’ confuso, come dicono anche su Imdb).
Ancora una volta il rapporto tra giornalismo tradizionale e social media alimenta problemi interpretativi interessanti. Ma non è più come una volta. 
Una decina d’anni fa c’erano poche alternative ai giornali tradizionali (di carta o di tv). Il loro potere oggi è in crisi. Meno pubblico e più alternative. Ma lo scopo di chi ha voluto e vuole rinnovare il giornalismo è aumentare, non ridurre, la libertà di stampa. Cogliere l’opportunità offerta da internet non significa abbattere il potere assoluto dei giornali tradizionali: significa migliorare il giornalismo, su qualunque mezzo. 
Il giornalismo non è più quella cosa che fanno i giornalisti che scrivono sui giornali. I giornali non sono più quella cosa che viene fatta dai giornalisti. La tautologia autoreferenziale è davvero obsoleta di fronte alla crescita del pubblico attivo. Ma il pubblico attivo a sua volta non ha il compito sociale di sostituire il giornalismo, ha il diritto di fare ciò che vuole con gli strumenti che ha oggi a disposizione. Il tema vero è che un nuovo giornalismo deve emergere da questa crisi. Non più basato sulla vecchia tautologia. Una nuova definizione di giornalismo basata su una metodologia trasparente di ricerca dei fatti e delle loro possibili interpretazioni. Con la quale professionisti e cittadini possono fare riferimento nel contribuire all’informazione e alla libertà di espressione.
Le notizie cattive sono quelle che sono prodotte con la metodologia sbagliata, quelle che sono prodotte in modo manipolatorio, poco trasparente, e interpretate in base a pregiudizi. E’ l’oscurantismo che genera le cattive notizie. E queste si possono trovare sui vecchi giornali ma anche su internet, purtroppo.
Le notizie buone derivano dall’emergere di un metodo per la produzione di informazione orientata ai fatti e all’intelligenza interpretativa. Le opportunità ci sono. Ma non sono ormai più nella crisi dei vecchi giornali o nell’emergere di internet. Sono nell’emergere di una consapevolezza nelle persone che contribuiscono all’informazione, su qualunque mezzo. 
Facciamo notizie buone. E saranno buone notizie.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

  • Da giornalista di un quotidiano locale mi sono sempre chiesto quale siano gli ingredienti ideali per la libertà di stampa: un editore illuminato, quelli che un tempo venivano definiti editori puri? Un giornalista professionalmente preparato e con la schiena dritta? Un pubblico di lettori “assetati” e vogliosi di informazione libera, autorevole e indipendente?
    Mi sembra che di questi tempi siano tre ingredienti che stanno progressivamente perdendo di sapidità.
    Marco

  • Spetta alla categoiria farsi un profondo esame… per prima cosa considerare se è possibile del protagonismo dei giornalisti. Troppo spazio del media è occupato dal parlarsi addosso.
    E neanche tanto bene.
    @Marco gli editori mancano? Sì, ma chi crederebbe a un editore puro?
    Comunque mi devo ricredere su internet e la stampa: credevo quest’ultima fosse candidata a diventare il luogo delle riflessioni… e invece il web si fa strada, con qualche considerazione davvero lucida.

  • Sotto l’aspetto generale è evidente la perdita di credibilità che versa sul giornalsmo tradizionale ma allo stesso bisogna notare che una riconfigurazione apportata da nuove iniziative on line, siano esse citizen o prefessionali, raramente definiscono la tematizzazione per il trattamento di fatti che assumono rilevanza pubblica. On line, la pluralità di fonti che comunicano direttamente e con il supporto di competenze specialistiche rende meno autorevole l’identità di una testata tradizionale presa complessivamente ma non quella di filtro di singoli giornalisti su argomenti specifici. Il modello economico che la stampa eredita dal passato, terminata la fase del marketing, bellezza! con collezionabili, è troppo dispendioso per la tendenza in atto alla frammentazione del pubblico e delle offerte. Aggiungendo che fino ai primi anni 2000 l’obiettivo economico era contemperato con interessi che esulavano dall’editoria, il quadro d’insieme dovrebbe apportare una seria presa di coscienza su quale ruolo debba effettivamente svolgere il giornalismo. A mio avviso prenderà spessore la funzione più nobile del giornalismo, quella che contribuirà in modo critico a definire “che cosa è una notizia” e perchè dovrebbe aver valore. William R. Hearst sosteneva che “è una notizia solo una cosa che qualcuno non vuole sia pubblicata, tutto il resto è pubblicità”. L’ortodossia dell’enunciato potrebbe esser applicata non solo su fatti scomodi ma su tutti quelli che abilitando conoscenze ne mettono fuori uso altre. Poi qui in discorso prederebbe aspetti anche formativi ma vista la penuria non credo guastino.

  • Bei discorsi, intanto il Boston Globe chiude. Peccato, ci ero affezionato, anche se ultimamente era diventato “dem” in modo imbarazzante.

  • Collaborazione con il suo sito
    Salve sono l amministratore del sito http://www.spotcenter.it Siamo dei social news e social network stile facebook.
    in 25 giorni abbiamo registrato circa 6000 utenti e abbiamo circa 50.000 mila visite mensilmente costantemente in aumento per via dei tanti vantaggi che offre il sito ,essendo un social news offre notizie in tempo reale inserite dai nostri visitatori e clienti registrati pubblicizzazione siti web e forum ,condivisione foto e video, e tanto altro naturalmente il tutto gratis. stiamo espandendoci attraverso dei progetti gia finanziati e che verranno applicati a breve
    Chiediamo se era disponibile uno scambio link tra i nostri siti web
    Inoltre per la sua gratitudine dimostrata potra usufruire dei seguenti vantaggi.
    -pubblicizazione nella nostra directory,
    -pubblicizzazione in home page se vorra inserire articoli giornalistici nel nostro social news
    – pubblicizazione nel forum con possibilita di acquistare e vendere pubblicita tra i vari siti che trova registrati nel nostro forum,andando quindi ad espandere anche il suo sito web.
    Oltre naturalmente il link che andremo ad inserire in hompage.
    Qualora non sia possibile lo scambio link saremo ugualmente felici se vorrà inserire le sue notizie e articoli giornalistici e non , mettendoli a conoscenza in internet attraverso la nostra comunità.
    Attendo una sua risposta per qualsiasi informazione la prego di contattarmi al seguente indirizzo email info@spotcenter.it
    O sul numero cellulare 3293517753 (orario d ufficio)

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video