Cybersecurity: i 200 giorni

Oggi al convegno sulla cybersecurity alla Sapienza di Roma sono uscite molte informazioni affascinanti e ne parleremo. Ma una colpisce e va digerita. In media, dicono all’Ibm, le aziende ci mettono 200 giorni per scoprire che i loro sistemi sono stati violati. E poi, siccome ovviamente non ne parlano volentieri in giro (un caso che diventa famoso come quello di Uber è rarissimo), il tema sembra sempre meno rilevante di quello che in realtà è. Da leggere il sito-guida generale per le organizzazioni italiane: Framework Nazionale per la Cybersecurity.

Tra l’altro sta diventando un tema politico fondamentale. Da guardare il sito-guida della Kennedy School di Harvard che serve alla sicurezza delle attività politiche: Cybersecurity Campaign Playbook.

  • 05/07/2016 Il 91% delle compagnie aeree investe in cybersecurity Ricevo questo comunicato stampa e volentieri lo rilancio: IL 91% DELLE COMPAGNIE AEREE INVESTE IN CYBER SECURITY Anche l’Internet delle cose al centro dei piani di investimenti IT delle ...
  • 05/11/2017 Le risorse umane per il lavoro del futuro È davvero interessante cercare di comprendere come devono evolvere le direzioni delle risorse umane per gestire una transizione verso il lavoro del futuro che si annuncia complessa come non mai...
  • 24/09/2017 Il lavoro del futuro e la polarizzazione Continua la ricerca sul lavoro del futuro. Anche oggi sul Sole un articolo che si focalizza sulle conseguenze delle attuali tendenze e il rischio di una forte polarizzazione tra gli inclusi nel...
  • 17/08/2017 Uber cerca di sostenere la sua valutazione virtuale Con tutti i guai che ha, Uber cerca di farsi confermare la megavalutazione virtuale di 68 miliardi di dollari. Ma non essendo quotata deve usare qualche trucco: vendere a sconto sul mercato sec...
  • 05/02/2016 Harvard: le aziende dovranno assumere più umanisti L'idea è chiara: i computer sono destinati a sostituire molte operazioni tecniche e anche diverse attività di produzione di tecnologia. Quali capacità umane serviranno? Creatività, empatia, ascolto...
  • 19/01/2017 «Making journalism great again» Jack Shafer, su Politico, scrive, giocando sullo slogan principale del nuovo presidente che è stato eletto negli Stati Uniti: «Trump Is Making Journalism Great Again». Perché la connessione tra...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *