Intelligenze più o meno artificiali

game-goUna delle scoperte che molti osservatori neofiti – come la maggior parte di noi – dell’intelligenza artificiale hanno fatto in questi ultimi tempi è che una gran parte delle cose che i computer sanno e sui quali esercitano la loro capacità di “apprendere” viene dagli umani. Da una parte si tratta di tutto il sapere che è stato pubblicato caoticamente sull’internet e di tutti i dati sugli utenti e le cose connesse, che hanno dato un’accelerazione straordinaria ai risultati di apprendimento delle intelligenze artificiali. Dall’altra parte si tratta di dati che vengono inseriti a mano per migliorare certe funzioni dell’intelligenza artificiale come la capacità di riconoscere quello che c’è in una foto o la capacità di capire un testo. Il punto è che l’intelligenza artificiale vorrebbe presentarsi come una tecnologia più autonoma di così dagli umani. Se non lo è diventa più tranquillizzante. Se invece è autonoma diventa più preoccupante, e intrigante.

In questo quadro si comprende la rilevanza della notizia secondo la quale DeepMind che aveva creato AlphaGo il programma che aveva battuto il campione umano di Go, ha ora realizzato AlphaGo Zero che ha battuto AlphaGo: la differenza è che la prima imparava a giocare osservando gli umani giocare; mentre la seconda ha imparato giocando contro sé stessa (TechReview).

Nel frattempo sto leggendo: Jerry Kaplan, Intelligenza Artificiale, Luiss, 2017.

  • 14/04/2017 Chantal Saint-Blancat. La diaspora degli scienziati italiani Chantal Saint-Blancat scrive un libro da leggere intitolato Ricercare altrove. Fuga dei cervelli, circolazione dei talenti, opportunità (il Mulino 2017). Contesta l'idea semplicistica che il "merca...
  • 29/10/2017 Lavoro del futuro: flessibilità non è strategia Ti dicono che devi essere flessibile, perché il tuo mestiere nel futuro cambierà. E che magari dovrai adattarti a fare un lavoro che non corrisponde a quello che hai studiato. Ma questo non è i...
  • 24/08/2016 Che cosa sono quelle piattaforme e perché vogliono la musica Mentre l'internet si alimenta nella mobilità e il computing nella nuvola, le piattaforme come Apple, Amazon, Google, Facebook, Microsoft diventano le utility dell'ambiente mediatico emergente. Infr...
  • 18/05/2016 Onorevole lei. Ilaria Capua: L’Abbecedario di Montecitorio Ilaria Capua analizza Montecitorio con l'occhio stupito del ricercatore e vagamente indignato del cittadino che però velocemente la butta sull'ironico. Per sopravvivere. E il risultato è una sorta ...
  • 04/12/2015 Monete complementari avanzano Le monete complementari aggiungono mercato. Consentono una forma di baratto asimmetrico. O meglio sviluppano una sorta di economia di comunità. Per quello che ne so il capostipite è il Wir in Svizz...
  • 10/12/2016 Quei due che hanno cambiato il pensiero sul pensiero È la storia dell'amicizia tra Daniel Kahneman e Amos Tversky i due studiosi che hanno aperto la strada a un cambiamento fondamentale nel modo in cui si pensa il pensiero. Contro ogni pretesa dell'e...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *