Home » innovazione » CRISPR usato per la diagnosi genetica, come la natura l’ha fatto
innovazione News ricerche

CRISPR usato per la diagnosi genetica, come la natura l’ha fatto

geniCRISPR è un fantastico e problematico strumento per fare gene editing, cioè modificare un pezzo di DNA in modo facile (per gli scienziati) e poco costoso. È destinato a essere usato per curare malattie genetiche, per ottenere migliori specie per l’agricoltura e l’allevamento, per combattere la zanzara della malaria e altri portatori di malattie. Ma si teme che possa anche essere usato per “migliorare” la specie umana con cambiamenti genetici ereditabili. E il dibattito in proposito prosegue.

Ma nei giorni scorsi è stato pubblicato un paper che dimostra come il CRISPR possa essere uno strumento fantastico per diagnosticare malattie di origine virale, per distinguere i batteri patogeni e persino per riconoscere cellule mutanti cancerogene. È un ritorno del CRISPR alla sua funzione originaria: i batteri lo hanno “inventato” nelle loro mutazioni per difendersi dai virus. E ora è tornato a servire almeno da questo punto di vista al suo scopo originale.

La scoperta è stata presentata su Science. Il nome della versione diagnostica di CRISPR sarà SHERLOCK (Washington Post).

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video