Social impact agenda

impact-investment

Difficile immaginare un periodo storico nel quale è più importante parlare in Italia di investimenti a impatto sociale. Una crisi profondissima, con un quarto della produzione industriale evaporata dal 2008, con difficoltà drammatiche nel mercato del lavoro per i giovani e per gli oltre 55. Un insieme di opportunità offerte dalla tecnologia per realizzare soluzioni innovative per alcuni problemi sociali che funzionano, con risultati misurabili, con costi relativamente bassi, con grandi possibilità per i modelli che prevedono il coinvolgimento attivo delle persone cui si rivolgono le soluzioni. Una congiuntura nella quale il rendimento del capitale è basso e dunque adatto al capitale paziente. Ci vuole un ecosistema sensibile: l’Italia è uno dei paesi più forti nel volontariato tradizionale e naturalmente incontra qualche difficoltà culturale e organizzativa con l’impresa innovativa sociale, ma il potenziale è straordinario. Ci vuole capitale paziente: ovviamente la congiuntura è favorevole, perché i tassi di mercato sono già molto bassi, ma occorre attivare fondi più grandi. Ci vuole una cultura del risultato: non più iniziative orientate alla raccolta di soldi alla vincita di bandi, ma iniziative orientate a ottenere impatto sociale vero e se possibile misurabile. Ci vuole anche una attenzione a livello di dimensione urbana. Oggi è stata presentata a Roma la Social Impact Agenda per l’Italia. Ha scopi pratici operativi e intenzioni di sostegno alla generazione di policy adatte a favorire questo sviluppo (La Finanza che include). Si tratta di creare valore economico, valore sociale, valore culturale: aggiungere valore, qualità, intelligenza. I casi raccontati nel corso della presentazione della Social Impact Agenda sono incoraggianti: CGM, Fondazione Sviluppo e Crescita CRT, Federsolidarietà-Confcooperative, UBI Banca. Fondazione Opes. Federcasse. Etimos. Fondazione Human. Il tentativo è quello di unire l’intelligente filantropia con la sostenibilità nel tempo per azioni con impatto misurabile.

Il problema più complesso? La disunione degli italiani, il campanilismo, il divisismo politico e civico. Chi voglia davvero lavorare per lo sviluppo, con un impatto, dovrà superare il punto di vista particulare: difficile. Trovare una via italiana per questo scopo significa anche trovare un sistema per unificare i risultati di sforzi divisi… Forse anche questo è possibile. Ma anche per questo occorre innovazione.

La dimensione nella quale c’è qualche possibilità di riuscita è il metodo – condiviso – per valutare l’impatto, il valore, il senso di queste iniziative. Anche questo è un tema per “media civici”. Imho.

Articoli Correlati

  • 11/07/2015 Indy Johar è un incontro che prima o poi devi fare Indy Johar è un esperto di social innovation perché ne fa e l'ha fatta. Ha parlato all'Expo in un incontro organizzato da ItaliaCamp sul trma dell'Impact Investing per il bene pubblico. Ha contesta...
  • 09/04/2015 Cimbali e Minerva Omega nell’IoT con Stm e Microsoft Che gli italiani siano utilizzatori scarsi di tecnologie digitali è un pregiudizio troppo spesso fondato. Ma che non siano fortissimi nella produzione di innovazione digitale è una pericolosa realt...
  • 26/07/2015 Appalti precommerciali. Una grande strada aperta Il Miur ha stanziato 100 milioni per appalti precommerciali. Ecco come li spiegano: Gli appalti pre-commerciali si articolano in più fasi (normalmente tre), che prevedono l’emissione di un bando...
  • 30/03/2016 La cultura nell’epoca dell’indistinguibilità del vero dal falso Negli ultimi trent'anni si sono accentuate tendenze e tentazioni esistite sempre. La politica ha legittimato le "mezza verità" come strumento di lotta. La pubblicità ha abituato alla manipolazione ...
  • 24/04/2013 Sottosegretario allo sviluppo digitale Il clima cambierà nei prossimi tempi, se è vero che si arriverà a un governo sostenuto da Pdl e Pd. L'infelice rifiuto di parlare al Pd manifestato nei primi giorni dopo le elezioni dal M5S, la con...
  • 05/08/2016 Sharing e cooperativismo: piattaforme alternative La logica delle piattaforme di sharing è piuttosto differenziata ma secondo alcuni converge su piattaforme che favoriscono chi intenda condividere "capitale umano" o "macchine e proprietà" in modo ...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>